Emergenza rifiuti a Napoli, tensione alle stelle

Emergenza rifiuti a Napoli, tensione alle stelle

Emergenza rifiuti, sale la tensione a Napoli

Sale la tensione a Napoli per l'emergenza rifiuti. Sono oltre cento gli interventi dei vigili del fuoco in dodici ore, dalle ore 20 di ieri alle 8 di lunedì mattina per spegnere le fiamme appiccate ai cumuli di spazzatura nel Napoletano. Gli interventi hanno riguardato tutto il capoluogo e decine di comuni. Alcuni gruppi di persone, a Fuorigrotta e Bagnoli, sono scese in strada bloccando il traffico e collocando cassonetti della nettezza urbana sulla sede stradale.

 

Esercito al lavoro. L'Esercito continua a lavorare per contribuire alla soluzione dell'emergenza rifiuti in Campania e si predispone ad altre, eventuali attivazioni che dovessero comportare un aumento nell'impegno in uomini e mezzi, anche se al momento non sono ancora giunte ulteriori direttive in questo senso. L'attività di rimozione, da parte dei mezzi militari, della spazzatura accumulatasi lungo le strade è proseguita anche ieri a Castellammare di Stabia, Casal di Principe, Ottaviano e Caserta. Al momento, apprende l'ADNKRONOS, il contributo dell'Esercito per questa specifica esigenza si puo' quantificare in 300 uomini con circa 200 mezzi di vario tipo.

 

Commissione Ue, Italia non attenda verdetto corte per agire. La Commissione europea esorta l'Italia ad agire ''con la massima rapidita''' per l'emergenza rifiuti in Campania vista la gravita' dei rischi sanitari e ambientali, senza aspettare il verdetto della Corte Ue. E' il commento di Barbara Helfferich, portavoce del commissario all'Ambiente Stavros Dimas, sollecitata dai cronisti italiani a Bruxelles.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -