Emilia-Romagna, consiglieri regionali 'a dieta': stipendio tagliato del 10%

Emilia-Romagna, consiglieri regionali 'a dieta': stipendio tagliato del 10%

Emilia-Romagna, consiglieri regionali 'a dieta': stipendio tagliato del 10%

FORLI' - "E' stato tradotto in fatti quello che si era detto in campagna elettorale. Una riduzione dei costi della politica attuata in maniera intelligente". Il segretario territoriale del PD di Forlì, Marco di Maio, presenta la proposta di legge approvata lunedì 20 dicembre dall'Assemblea legislativa. La proposta, elaborata dal Gruppo Pd, con in prima linea i consiglieri regionali Thomas Casadei e Tiziano Alessandrini, e condivisa da tutta la maggioranza di centrosinistra, prevede la riduzione del 10% delle spese per l'indennità dei consiglieri regionali, in tutte le sue voci (base, diaria, funzione).

 

Rinnovato anche il meccanismo del rimborso spese di trasporto che diventa a piè di lista. La proposta di legge, inoltre stabilisce che l'indennità di fine mandato corrisponda ad un dodicesimo dell'indennità di carica totale lorda, percepita nell'anno dai consiglieri regionali. Abrogato infine, e questo è il punto che incide maggiormente a livello di risparmio, l'istituto dell'assegno vitalizio per gli ex consiglieri a partire dalla decima legislatura (la prossima). Questi provvedimenti, tranne l'abrogazione del vitalizio, entreranno in vigore dal primo gennaio 2011. Per quanto riguarda il capitolo 'pensione', per questioni normative, si parte dalla prossima legislatura.

 

"I consiglieri regionali dell'Emilia-Romagna - spiega Casadei - rispetto ai pari grado di altre regioni avevano già la retribuzione più bassa d'Italia. Nonostante questo sono i primi a decidere di ridurla ulteriormente". Facendo un primo calcolo il risparmio per il 2011 viene stimato intorno ai 700 mila euro. Il Gruppo PD ha dato un segnale forte e soprattutto un esempio alle altre Regioni ed al Parlamento.

 

"Chi dice che i provvedimenti di Tremonti erano necessari per eliminare gli sprechi - sottolinea Alessandrini - è fuori binario. Le spese per il funzionamento della macchina regionale, nel bilancio appena approvato, sono state diminuite dell'8,3%, ovvero di 33,3 milioni di euro in meno. Il Governo nazionale taglia orizzontalmente, noi ci siamo presi la responsabilità di decidere dove tagliare e dove investire".

 

I due consiglieri forlivesi hanno posto il problema dei costi della politica nella prima riunione del Gruppo PD. "I nostri avversari - afferma Di Maio - spendono molte parole alle quali non seguono fatti. Il PD per primo ha dato un segno di sobrietà in questo senso, partendo dai fatti".

 

Un successo anche l'approvazione all'unanimità in Assemblea legislativa e la firma sulla prima bozza dell'iter di tutti i capigruppo.

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Le cariche politiche non possono essere gratuite per una serie di ragioni: farebbe politica solo chi se lo può permettere. E inoltre credo che un bravo politico, così come un bravo amministratore, debba essere pagato bene, se fa il suo lavoro bene. Detto questo, l'abbattimento del 10% è sicuramente una cosa positiva: meglio di niente e meglio di altre regioni che neppure ci pensano. La realtà però è che, come diceva qualcuno, "il tacchino non cucina mai il pranzo del ringraziamento" (o una cosa così ...) Nel senso che un politico (come un magistrato) non si dà mai la zappa sui piedi, non fa mai riforme (o sentenze) che danneggino sé o la classe cui appartiene. Credo sia una costante del nostro sistema. La polemica con Tremonti non ci sta: lui è stato il primo a partire in questo senso, credo che ciascuno debba avere il suo merito. Se ha fatto poco lui, anche i consiglieri regionali PD non sono stati brillanti. Altrimenti, un riconoscimento va a entrambi.

  • Avatar anonimo di Michelangelo Merisi
    Michelangelo Merisi

    Ridicolo escludere il vitalizio, come affermato "il punto che incide maggiormente a livello di risparmio" dalla prossima legislatura.... Il motivo? non ben specificate "questioni normative" Ridicoli, come al solito.

  • Avatar anonimo di pagnoncelli
    pagnoncelli

    Si potrebbe sapere quanto vengono pagati i dirigenti di partito? PD, PDL LEGA IDV? Grazie

  • Avatar anonimo di pagnoncelli
    pagnoncelli

    strano che il PD non abbia votato l'emendamento della lista 5 stelle che prevedeva il taglio del 50%!

  • Avatar anonimo di pagnoncelli
    pagnoncelli

    La lista 5 stelle aveva proposto un emendamento per la riduzione del 50% dello stipendio, è stato naturalmente votata solo da 2 consiglieri. Siete dei BUFFONI!!! Ma sempre meglio del PDL con le regalie di questi giorni di Silvio e CO. E riimane aperto il tema dei rimborsi elettorali, un nascosto finanziamento pubblico ai partiti a carico della collettività!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -