Emilia-Romagna: generi alimentari, Corradi (Lega) chiede monitoraggio prezzi

Emilia-Romagna: generi alimentari, Corradi (Lega) chiede monitoraggio prezzi

BOLOGNA - Roberto Corradi, consigliere regionale della lega nord, ha sollecitato la Giunta regionale a realizzare una campagna di monitoraggio dei prezzi dei generi alimentari di più ampio consumo per "accertare le ragioni delle incomprensibili differenze di prezzo a danno dei consumatori dell'Emilia-Romagna". Lo ha fatto in una risoluzione, in cui cita una recente indagine del Codacons, da cui emergerebbe che i prezzi di questi prodotti, "un paniere di 61 voci", "registrano marcate differenze tra le diverse aree geografiche del Paese", con "un notevole divario nei prezzi di vendita degli stessi prodotti tra Nord e Sud".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Considerando che la spesa per l'acquisto di generi alimentari inciderebbe "fortemente" sul bilancio delle famiglie, che negli ultimi due anni i prezzi di questi prodotti avrebbero subito "notevoli incrementi", che le "elevate differenze" riscontrate nei prezzi di vendita tra diverse aree geografiche non trovano "alcuna apparente giustificazione" e che la dimensione del fenomeno sarebbe "talmente ampia da configurare comportamenti speculativi ai danni dei consumatori del Nord", Corradi impegna infine la Giunta regionale ad attivarsi presso i gestori della grande distribuzione organizzata dell'Emilia-Romagna, in gran parte riconducibili al mondo cooperativo, per accertare le ragioni dei maggiori prezzi applicati ai prodotti commercializzati nella nostra regione, rispetto a quelli praticati nei punti vendita del Sud Italia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -