Emilia-Romagna: in otto anni di blocchi del traffico Pm10 ridotto del 15%

Emilia-Romagna: in otto anni di blocchi del traffico Pm10 ridotto del 15%

Emilia-Romagna: in otto anni di blocchi del traffico Pm10 ridotto del 15%

BOLOGNA - Dopo la pausa natalizia tornano i blocchi del traffico. Ripartono il 7 gennaio, e rimarranno in vigore fino a tutto il mese di marzo 2010, i provvedimenti per combattere smog e polveri sottili nelle citta' dell'Emilia-Romagna, previsti dall'ottavo Accordo per la Qualita'  dell'Aria, firmato tra Regione, Province e Comuni con piu' di 50 mila abitanti. Ogni Comune, tuttavia, applicherà i blocchi del traffico a modo proprio.

 

Dalla prima intesa per la qualita' dell'aria in Emilia-Romagna (era il 2002) le polveri sottili Pm10 sono calate del 15%, con una riduzione del 20% degli sforamenti dei limiti previsti dalla normativa europea, nonostante il clima abbia registrato negli anni una diminuzione delle piogge e del vento. Tra il 2002 e il 2008 sono diminuiti anche gli altri inquinanti: biossido di azoto a -11%, benzene a  -51% e monossido di carbonio a -73%.

 

Gli accordi sono stati fin dall'inizio accompagnati da provvedimenti strutturali destinati a incidere nel medio periodo. Tra il 2001 e il 2010 la Regione ha investito e investira' per la mobilita' sostenibile e la riduzione dell'inquinamento urbano oltre 610 milioni di euro, movimentando complessivamente risorse per 1 miliardo 76 milioni di euro. In particolare i finanziamenti regionali nel triennio 2007-2010 ammontano a quasi 381 milioni per diverse misure: dal rinnovo del parco autobus all'acquisto di materiale rotabile, dal potenziamento della mobilita' ciclistica e dell'intermodalita' alla riduzione dei consumi energetici in campo civile e produttivo.

 

Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale, dal 2001 al 2008 i bus a metano sono passati dal  2% al 18%, mentre i diesel sono scesi dal 95% al 60%. Fino ad oggi le Aziende di trasporto  regionali hanno acquistato 1.424 nuovi bus grazie a un contributo regionale di 170 milioni di euro, rinnovando circa il 43% del parco circolante, ed entro il 2010 oltre 30 milioni di euro consentiranno l'acquisto di ulteriori 150 autobus e filobus ecologici.

 

   Sul fronte delle auto, a tutt'oggi sono oltre 20 mila i veicoli a benzina (dai pre-euro fino agli euro 4) convertiti a gpl o a metano, grazie al contributo regionale di oltre 10 milioni. Diventeranno 30 mila alla fine del 2010. Altri 6 milioni di euro sono disponibili per proseguire con gli incentivi  regionali alla trasformazione dei veicoli da benzina a metano/gpl, per l'installazione dei filtri antiparticolato (fap) su veicoli diesel e per i veicoli elettrici leggeri.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -