Evasione fiscale, la Cisl: "Poche segnalazioni da Forlì"

Evasione fiscale, la Cisl: "Poche segnalazioni da Forlì"

Evasione fiscale, la Cisl: "Poche segnalazioni da Forlì"

FORLI' - "Nei giorni scorsi abbiamo appreso dai comunicati dell'Agenzia delle entrate dell'Emilia Romagna i dati sui risultati della collaborazione istituzionale che la stessa intrattiene con i Comuni per la lotta all'evasione fiscale. L'elemento che più ci ha sorpreso, è che trai comuni attivi nelle segnalazioni di sospette irregolarità di cittadini o imprese nei rapporti col fisco, Forlì praticamente non appare". L'allarme viene lanciato dal segretario generale della Cisl provinciale, Antonio Amoroso.

 

"Eppure il comune ha aderito da tempo alla convenzione che regola il rapporto di collaborazione con l'agenzia delle entrate. Lo scambio di tale attività sta nel fatto, che in virtù della collaborazione del Comune con l'amministrazione finanziaria, gli verrebbe riconosciuto il 33% delle imposte evase, a seguito degli accertamenti andati a buon fine, sulla base delle segnalazioni effettuate. Ci chiediamo quindi - continua Amoroso - perché il comune di Forlì non appare trai comuni che segnalano. Qual' è la ragione, visto che risulta per fonte dell'Agenzia delle entrate, che gli altri comuni dell'Emilia Romagna, di dimensioni analoghe, invece si sono attivati in misura più evidente?".

 

"Rimini ha fatto nel 2010, 475 segnalazioni, Cesena 442, Ravenna 374, Carpi 325, Imola 304, Parma 167, Reggio Emilia 146, Ferrara 132, Faenza, 97, solo per citare i Comuni sopra i 50.000 abitanti. Le maggiori imposte accertate in provincia di Forlì-Cesena a seguito di questa collaborazione, ammonta a 1.179.494, ascrivibile per 619.503 € al comune di Cesena e 519.129 a Gambettola. Noi più volte abbiamo sollecitato l'amministrazione comunale di Forlì Afferma Amoroso - affinché andasse oltre la formale adesione alla collaborazione con l'Agenzia delle entrate nella lotta all'evasione fiscale, soprattutto perché al di là dei risultati concreti per le casse comunali, deve valere il messaggio che si manda ai "furbetti", un avviso che dovrebbe suonare più o meno così: la comunità forlivese non intende più tollerare comportamenti infedeli nei confronti del fisco".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Vinceremo la battaglia per abbassare la pressione fiscale ai lavoratori dipendenti ai pensionati ed a tutti gli altri lavoratori autonomi che onestamente le hanno sempre pagate se tutti cominciano a farlo. Nei prossimi resoconti dell' Agenzia delle entrate conclude il segretario della Cisl - ci aspettiamo di vedere finalmente apparire il comune di Forlì, trai comuni che collaborano attivamente alla lotta all'evasione fiscale, forse si riusciranno a recuperare almeno una parte di quei fondi, che finora non sono stati trovati, per confermare alcune misure economiche atte a far fronte alle spese di servizi essenziali, che l'anno scorso sono stati riservati alle famiglie in difficoltà".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -