Facevano prostituire 17enne, tre rumeni in manette

Facevano prostituire 17enne, tre rumeni in manette

FORLI’ – Appena diciassette anni e un sogno nel cassetto. Un sogno che si è infranto sulla strada dove un suo connazionale rumeno la faceva prostituire. Sono durati un mese gli appostamenti dei carabinieri del Ronco che, nella notte tra lunedì e martedì, hanno arrestato lo sfruttatore della giovane, un 21enne arrivato a Forlì da Rossano Calabro dove ha ancora la residenza. Insieme a lui sono finiti in manette altri due rumeni, un ragazzo di 25 anni e una 27enne.


Era circa mezzanotte quando i militari del Ronco hanno messo a segno l’operazione, fermando i tre in un’auto che si era avvicinata alla minorenne ferma sulla strada ad aspettare clienti. Ma solo uno, si è scoperto poi, era coinvolto a pieno negli scambi mercenari dove in vendita veniva messo il corpo della 17enne rumena.


Il 21enne, secondo quanto emerso, lavorava da solo, accompagnando la ragazza ogni sera al Ronco per farla prostituire, occupandosi di andarla a prendere a fine “turno”, procurandole i preservativi e incassando i soldi di quel traffico.


I due amici, il conducente della vettura e una ragazza di 27 anni, sembra c’entrino nulla. Portati al Comando di Forlì, però, hanno entrambi dato in escandescenza, cominciando ad aggredire gli uomini dell’Arma e distruggendo tutto ciò che trovavano a portata di mano.


Anche per loro sono scattate le manette, non per sfruttamento della prostituzione, ma per danneggiamento aggravato e violenza a pubblico ufficiale. Nell’auto, alla cui guida c’era uno di questi due ragazzi, sono stati trovati quattro coltelli con lame che superavano i 20 centimetri. Per il proprietario, quindi, è partita anche un’ulteriore denuncia.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -