Faenza, coltivavano oltre 300 piante di 'maria'. Arrestati due fratelli

Faenza, coltivavano oltre 300 piante di 'maria'. Arrestati due fratelli

Foto di repertorio-379

FAENZA - Trecento piante di canapa indiana e cocaina sono stati sequestrati dagli agenti del Commissariato di Polizia di Faenza e della Squadra Mobile di Ravenna nel corso di un'operazione svolta lunedì pomeriggio in un'abitazione nelle campagne di Reda di Faenza che ha portato all'arresto di due fratelli italiani di 30 e 33 anni, M.V. e S.V. (le loro iniziali) con l'accusa di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.  

 

All'arresto dei due fratelli si è giunti dopo una serie di attività investigative, di cui da ultimo il controllo su strada di uno dei due e la successiva perquisizione domiciliare. Quando gli agenti, che da qualche tempo avevano focalizzato la loro attenzione sui movimenti dei due soggetti, hanno deciso di intervenire sono rimasti sorpresi dalla quantità di piante di cannabis, seminascoste in tutto il giardino dell'abitazione .

 

Le piante, di altezza compresa tra i 60  e 210 centimetri, tutte ben curate per un peso complessivo di 320 chilogrammi, hanno richiesto diverse ore di lavoro per essere estirpate, ed hanno occupato il volume di un intero autocarro. Nel casolare c'era tutto l'occorrente per la coltivazione della sostanza stupefacente,  che avveniva come in una vera e propria catena di montaggio.

 

I semi venivano prima coltivati nei vasetti, poi i germogli erano trasferiti nei vasi più grandi e da ultimo. Quando arrivavano ad un grandezza sufficiente, venivano piantati nella terra. Una volta giunta a maturazione la pianta veniva essiccata in quattro ambienti dell'immobile appositamente attrezzati.

 

Il giardino di pertinenza dell'abitazione era così utilizzato per la coltivazione che avveniva al riparo da occhi indiscreti, poiché tutto il perimetro è delimitato da una folta siepe che impediva la vista di quanto avveniva all'interno, ed a maggiore garanzia da non gradite visite all'ingresso vi è anche un cane alano di notevoli dimensioni.  Una volta espletate le formalità di rito, i due fratelli sono stati trattenuti in stato di custodia presso le celle di sicurezza del Commissariato di Polizia di Faenza.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -