Faenza, dalla Regione oltre 106 milioni per le imprese agricole

Faenza, dalla Regione oltre 106 milioni per le imprese agricole

Faenza, dalla Regione oltre 106 milioni per le imprese agricole

FOGNANO - L'unione dei comuni ha reso noto che la regione Emilia Romagna ha finanziato 67 progetti di filiera delle imprese dell'Emilia-Romagna con il Piano di sviluppo rurale. Lo stanziamento è di oltre 106 milioni di euro (una spesa in investimenti e attività pari a 280 milioni). I contributi vanno alle imprese agricole che si sono aggregate su specifici progetti. In totale sono 8.450 le imprese agricole, agroindustriali e commerciali che hanno sottoscritto gli accordi di filiera.

 

All'interno di questi 1662 beneficeranno direttamente di aiuti in funzione dell'adesione a singole misure previste dal bando. I settori che hanno presentato più progetti sono il lattiero-caseario, l'ortofrutticolo e il vitivinicolo.?Si tratta dell'intervento più significativo del Piano di sviluppo rurale della Regione e prevede contributi alle imprese agricole di produzione, trasformazione e commercializzazione che si sono aggregate intorno a un progetto comune. Il 50% delle risorse concesse potrà essere anticipato immediatamente ad ogni singola impresa, a seguito di fidejussione e dopo l'avvio dei lavori, mentre le attività di formazione, consulenza e il sostegno alle produzioni di qualità potranno essere liquidate senza necessità di garanzie.

 

I settori che hanno espresso il maggior numero di progetti sono quelli tradizionalmente più organizzati: il lattiero-caseario (19 progetti, con 7 nuove aggregazioni), l'ortofrutticolo (14 progetti, con 7 nuove aggregazioni) e il vitivinicolo (8 progetti, con 3 nuove aggregazioni).Positivi anche i risultati per i comparti meno strutturati, come quelli della carne suina e bovina (6 progetti, con 4 nuove aggregazioni) e per i settori minori o di nicchia (4 i progetti finanziati per biologico, miele e vivaistico, con 1 nuova aggregazione). Presenti anche il settore cerealicolo (7 progetti, con 3 nuove aggregazioni) e il sementiero (2 progetti, con 1 nuova aggregazione).

 

Da segnalare il dato per la filiera forestale/legno (3 progetti, con 2 nuove aggregazioni) che attribuisce ad aree montane marginali, solitamente difficilmente premiate dai classici sistemi di intervento, più di 2,5 milioni di euro. I progetti di filiera puntano tutti al miglioramento della fase di commercializzazione e distribuzione del prodotto, di realizzazione di nuovi prodotti e, in relazione alle caratteristiche delle singole aggregazioni, propongono interventi di rafforzamento dell'efficienza produttiva, di ammodernamento e di riduzione dei costi, di minimizzazione dell'impatto ambientale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -