Faenza: droga, il Riesame rimette in libertà il faentino Zeti

Faenza: droga, il Riesame rimette in libertà il faentino Zeti

FAENZA - Torna in libertà il Cristian Zeti, il 30enne faentino arrestato a maggio nell'ambito dell'operazione denominata "Overland New" con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata all'acquisto ed allo spaccio di sostanze stupefacenti su ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Reggio Calabria, Anna Maria Arena. Il Tribunale del riesame, presieduto da Vincenzo Pedone, Maria Cicidomini e Alessandra Ferrara, ha annullato il provvedimento contro il quale aveva fatto ricorso l'avvocato difensore Lorenzo Valgimigli.

 

Ad ‘incastrare' Zeti erano state alcune intercettazioni telefoniche. Zeti, interrogato lo scorso 22 maggio dal gip di Ravenna Anna Mori su delega della collega reggina, il faentino ha ammesso che nel 2005 aveva fatto uso di droga (nella fattispecie cocaina) che gli era stata fornita un milanese, Claudio Alberto Lopez, che conobbe per motivi di lavoro.

 

Intercettazioni telefoniche avevano fatto emergere che Lopez era stato incaricato di acquistare cocaina per alcuni imolese e per Zeti. Il milanese venne bloccato alla stazione di Faenza, trovato in possesso con circa 40 grammi di stupefacente.

 

Seconda la Procura di Reggio Calabria Zeti era membro stabile di un organizzazione che faceva capo a tre boss della n'drangheta, chiedendone la cattura.  Contro tale provvedimento restrittivo, l'avvocato del 30enne, Lorenzo Valgimigli, si è rivolto al Tribunale del riesame che martedì pomeriggio ha annullato l'ordinanza, rimettendo in libertà il faentino.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -