Faenza: giovane accoltellato, in manette l'aggressore

Faenza: giovane accoltellato, in manette l'aggressore

Faenza: giovane accoltellato, in manette l'aggressore

FAENZA - Una lite scoppiata presumibilmente per motivi passionali e sfociata in un accoltellamento. Gli agenti del Commissariato di Polizia di Faenza hanno arrestato il giovane che martedì sera ha colpito con un fendente alla parte sinistra dell'addome un ragazzo di 21 anni. Si tratta di Matteo Vitarelli, già noto alle forze dell'ordine. Il sanguinoso episodio si è consumato in viale Baccarini a Faenza, nei pressi del "Caffè delle arti". Il malcapitato si trova all'ospedale di Faenza.

 

Sottoposto ad un intervento chirurgico è stato giudicato guaribile in quindici giorni. A chiedere l'intervento delle forze dell'ordine e dei sanitari del ‘118' è stato il barista, dove la vittima si era rifugiato dietro il bancone. E' stato il barista stesso a costringere alla fuga l'aggressore, che aveva cercato di entrare all'interno dell'esercizio. Le forze dell'ordine, raccolte le testimonianze dell'esercente, si sono subito messi sulle tracce dell'aggressore, catturandolo dopo appena venti minuti.

 

Ora il giovane, 23 anni, si trova detenuto in carcere con le accuse di lesioni personali premeditate aggravate e porto abusivo d'arma atta ad offendere. Lo stesso era stato arrestato il 29 dicembre scorso per aver aizzato i suoi cani contro i poliziotti che lo avevano fermato per un controllo dopo una lite scoppiata fuori un locale di Faenza. Per quell'episodio era stato condannato a quattro mesi di reclusione tramutati in otto mesi di libertà vigilata.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vitarelli è comparso davanti al giudice Piero Messini D'Agostini per il rito per direttissima ha negato di aver colpito il 'rivale' con un coltello, ma bensì con un moschettone. Il difensore del giovane, Silvia Brandolini, ha chiesto il processo con rito abbreviato, che si svolgerà il prossimo 25 febbraio, subordinato ad una serie di accertamenti che saranno svolti dagli agenti del Commissariato di Polizia di Faenza.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -