Faenza: grande successo per il concerto Mei a favore dell'Omsa

Faenza: grande successo per il concerto Mei a favore dell'Omsa

Francesco Baccini a fianco dei lavoratori Omsa

FAENZA - C'è stato così un  grande pienone di pubblico ieri sera alla Mensa Gemos di Via Oberdan, la storica mensa operaia costruita di fronte alla vecchia Omsa, dove si è tenuto il concerto organizzato dal MEI a favore della stessa azienda. La città si è riappropriata grazie alla musica di un suo pezzo di storia e cultura ed ha detto che il presidio produttivo dell'Omsa non deve andare via da Faenza perchè è parte integrante del suo dna culturale e identitario.

 

Momenti di pathos e di emozione ma anche di serenità e di gioia insieme a quelli di lotta e battaglia, grazie agli interventi degli organizzatori, del mondo sindacale e del lavoro e dei musicisti, affinchè la crisi, come deve essere, se di crisi si tratta, non venga pagata solo dalla classi piu' deboli e scaricata solo sulla classe lavoratrice ma debba trovare al contrario che a farsene carico debbano essere prima di tutto la proprietà rinunciando magari per un periodo a lucrosi utili pur di non gettare sul lastrico centinaia di famiglie ed una comunità intera.

 

L'idea di questa iniziativa, in questa fase delicata e difficile della trattativa, che ha unito le diverse anime della comunità faentina per una causa comune si è rivelata vincente, grazie all'arma della musica, l'elemento centrale, insieme alla ceramica, dell'identità aggregativa e culturale di questo territorio grazie alle sue importanti manifestazioni come, oltre al MEI, che ha reso nota Faenza in Italia e nel mondo,  il Pavone d'Oro, Faenza Rock, La Musica nelle Aie e nel territorio il Solarolo Song Festival e il Circuito Feste & Sagre, presenti a pieno titolo nell'allestimento della serata di solidarietà.

 

Si accompagnano così agli impegni dell'Amministrazione Comunale e della Curia, recentemente annunciati, a favore della fasce piu' deboli e svantaggiate della popolazione faentina, affinchè siano da sprone anche per l'impegno di altri settori della società contro la crisi del territorio a favore di tutti: pensiamo all'impegno diretto da parte del mondo delle imprese e della cooperazione nel favorire idee di sviluppo e di insediamenti sul territorio e da parte del mondo della grande distribuzione e del commercio ad azioni di promozione sui prodotti primari venduti, ad esempio, nell'ultima settimana del mese, quella spesso piu' difficile per molti concittadini colpiti dalla crisi, a prezzi assolutamente piu' bassi ed accessibili.

Tutti insieme, ognuno facendo la propria parte, tenendo unito il mondo del lavoro, si puo' fare rete e sistema contro una crisi come quella che sta attraversando la città e che deve vederci alzare la testa per crescere e svilupparci.

 

Organizzazioni sindacali, lavoratrici e lavoratori e  il mondo della musica attraverso il Mei - Meeting degli Indipendenti  si sono uniti così culturalmente, ma anche praticamente, e hanno dato un segnale forte e  tangibile di solidarietà.

La musica infatti insieme alla ceramica è uno degli elementi di maggiore notorietà e di traino, come è noto,  della città di Faenza in Italia e all'estero e puo' svolgere u n ruolo da protagonista nel mondo della cultura manfreda, grazie alle sue relazioni nazionali e internazionali e al suo impatto mediatico, per tenere viva l'attenzione sulla battaglia per il lavoro in città e per l'Omsa e per un futuro di sviluppo della città.

 

La serata, svoltasi grazie alla Gemos e al Credito Cooperativo Ravennate e Imolese, si è così dipanata sulle note delle cover italiane piu' famose preparate dal Trio Italiano di Gaetano Barbarito, Paolo Giovannini e Raffaele Montanari, tra i principali promotori dell'evento. Con loro tanti ospiti scelti dalla Casa della Musica tra i tantissimi che hanno aderito, che hanno visto alternarsi le voci del Pavone d'Oro presentate da Gabriele Andrini, un grande artista del rock come Alessandro Ristori, che ha mosso i suoi primi passi con Faenza Rock,  i Quinzàn, una delle band fondatrici de La Musica nelle Aie, guidata da Pietro Bandini, il vincitore del Solarolo Song Festival Gregor Ferretti, che con il suo pezzo sui morti sul lavoro è stato tra i piu' toccanti, due voci storiche come quelle di Cassio Babini e Claudio Toschi, unite dal sax di Pier Claudio Ferri, ospiti a sorpresa come i cantanti Ottavia Sisti, John Calzolari, Titta e il cantautore - sindacalista che ha eseguito una ballata sull'Omsa, il cantante emiliano -romagnolo Luca Anceschi che ha portato la sua Nina Mala per l'Omsa.

 

Uno dei momenti piu'forti e toccanti della serata, con una sala strapiena e tantissima gente fuori dalla mensa,  è stato rappresentato  dall'esibizione al pianoforte di Francesco Baccini, che ha dimostrato la sua grande amicizia per la città di Faenza e il suo legame con il MEI, esibendosi gratuitamente e proponendo un inedito, mai suonato prima, che farà parte della nuova doppia raccolta che uscirà a fine mese per la Sugar di Caterina Caselli, accolto dai fragorosissimi applausi del pubblico presente.

 

La serata è stata condotta da Valentina Mazzotti e Daniele Tigli di Radio Studio Delta, mentre Radio Scintilla.it ha fatto una diretta sul web, che sarà riproposta domenica prossima e che tutti potranno sentire e scaricare sul web, mentre durante la serata è stata presente una troupe del Tg 3 che lavorerà ad un piccolo speciale sull'evento.

 

Alla serata sono stati presenti quattro dei candidati Sindaci per le prossime Elezioni Amministrative di Faenza: Giovanni Malpezzi, candidato per il Centro Sinistra, Gilberto Bucci, candidato per l'Udc, Giancarlo Minardi, candidato per il Centro Destra e Palmiro Di Maria per la Federazione delle Sinistre, che hanno proseguito anche durante la serata a far pervenire la loro solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori dell'Omsa, a  testimonianza  ulteriore di come l'evento musicale sia stato sentito e promosso da tutta la città e di come il mondo della musica faentino sia parte integrante di tutta la comunità faentina. .

 

Al termine sono stati raccolti circa 1500 euro che andranno a far parte del fondo a sostegno per le spese per la battaglia delle lavoratrici e dei lavoratori dell'Omsa per il lavoro e la piena occupazione.

 

Il Mei, Meeting degli Indipendenti, si terrà per la sua quattordicesima edizione dal 26 al 28 novembre 2010 a Faenza presso la Fiera, il Palazzo delle Esposizioni, il Teatro Masini, la Piazza del Popolo, l'Auditorium di Sant'Umiltà e in altri 30 spazi cittadini. Si tratta del primo festival in Italia della produzione musicale, di musica dal vivo, video-cinematografica, letteraria e culturale indipendente, del piu' importante festival di musica live in Italia e  del primo salone della nuova musica italiana. L'edizione 2009 del MEI ha registrato, su oltre 15 mila metri quadrati di spazi espositivi, più di 30 mila presenze, più di 400 artisti dal vivo, 350 espositori, 350  videoclip, 200 media presenti, 150 convegni, presentazioni e incontri e 100 operatori dall'estero.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -