Faenza: i vizi capitali nell'arte di Roberto Casadio

Faenza: i vizi capitali nell'arte di Roberto Casadio

"I vizi capitali e altre opere" è il titolo della personale di Roberto Casadio, organizzata dall'assessorato alla Cultura del Comune di Faenza, che si inaugura sabato 13 marzo prossimo, alle ore 18.30, alla Galleria comunale d'Arte di Faenza (Voltone della Molinella, 4/6).

 

La mostra, articolata in un ricco corpus di dipinti e disegni, prende spunto dalle più recenti creazioni dell'artista forlivese incentrate sulla tematica dei vizi capitali, ripresi da Casadio con differenti immagini della figura femminile.

"Tema iconografico ricorrente soprattutto in ambito medievale e rinascimentale," - sottolinea il critico Enzo Dall'Ara - "i sette vizi ripresi da Casadio si svolgono su differenti interpretazioni della figura femminile, eletta dal pittore non ad icona del vizio, ma a sembiante più duttile per una narrazione poliedrica".

 

Roberto Casadio è nato a Forlì nel 1942. Fin da bambino manifesta la sua vocazione al disegno, tanto che i genitori lo assecondano iscrivendolo al liceo artistico di Ravenna.

I primi dipinti, datati 1958, sono i ritratti dei nonni. Nel 1965 si trasferisce a Brescia dove insegna discipline artistiche e inizia la sua attività di pittore.

Ritornato a Forlì prepara la sua prima mostra, allestita a Spoleto nel 1971, nell'ambito del XIV° Festival dei due mondi.

Da allora espone in numerose mostre sia personali che collettive. Realizza, inoltre, alcune grandi opere in edifici pubblici e privati, fra i quali due differenti allestimenti che celebrano la natività a Castrocaro (Palazzo Maiolani) e a Forlì, in S.Mercuriale.

Fra le sue mostre  segnaliamo l'esposizione personale a Palazzo Albertini, a Forlì, nel 1993, e la grande mostra "Le emozioni della lirica" a Siena (Palazzo Pubblico), dove assieme ai costumi del baritono Ettore Bastianini espone ottanta disegni raffiguranti personaggi del melodramma.

Ha ottenuto diversi premi e riconoscimenti, fra i quali il "Marc'Aurelio" (Roma, 1975), la "Frasca d'argento" e il Premio nazionale di pittura e scultura di Bagno di Romagna.

Ora sta lavorando a una lunga serie di illustrazioni (disegni a china e acquarello), ispirate all'Inferno di Dante, che andranno a decorare l'intero canto dantesco, con prefazione e commento di Andrea Brigliadori, la cui pubblicazione è prevista entro il 2010 nelle Edizioni "Il Ponte Vecchio" di Cesena.

Attualmente vive e lavora a Forlì.

La mostra di Roberto Casadio resterà aperta al pubblico - a ingresso libero - alla Galleria comunale d'Arte di Faenza fino al 4 aprile 2010, con i seguenti orari: martedì, giovedì, sabato e domenica, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00; mercoledì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00; lunedì chiuso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -