Faenza, il Mei ha aderito alla raccolta di firme per il MIC

Faenza, il Mei ha aderito alla raccolta di firme per il MIC

FAENZA - Il Mei ha aderito all'appello lanciato dall'Amministrazione Comunale di Faenza, dalla Fondazione Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza e dal Club UNESCO di Forlì che stanno promuovendo una raccolta di firme a sostegno della candidatura del M.I.C. di Faenza per ottenere dall'UNESCO il prestigioso riconoscimento di Monumento Messaggero di una Cultura di Pace.

 

Dopo le 200 firme raccolte giovedì, venerdì è arrivata anche l'adesione dei conduttori storici di Demo, il programma di Rai Radio Uno, in onda ogni sera intorno alle ore 23 e 15, che valorizza tutti i talenti italiani indipendenti ed emergenti. Gli storici conduttori del programma Demoi,  Michel Pergolani e Renato Marengo hanno aderito con entusiasmo e hanno confermato che parleranno di questo progetto all'interno della trasmissione in una delle prossime puntate valorizzando così Faenza, oltre che per il Mei, partner del programma fin dai suoi esordi, anche per la sua tradizione ceramica in un'abbinata musica-ceramica vincente dal punto di vista della comunicazione del territorio grazie a due eccellenze come il Mei e il Mic. Nei giorni del Mei sono state quindi raccolte oltre 200 adesioni di artisti, promoter musicali e operatori del settore che daranno certamente forza e rilievo alla raccolta di firme.

 

Tra le tante meritano di essere segnalate quelle di Renzo Arbore, premiato al Mei come miglior talent scout, che ha dichiarato di possedere una piccola collezione di ceramiche faentine del ‘700 a casa ed ha aderito quindi con grande piacere, del cantante Paolo Belli, oramai un amico del Mei e di Faenza, del cantante bolognese Andrea Mingardi, in visita al Mei 2010 e dei comici di Ridens, in visita al Mei guidati da  Francesco Tassi, responsabile comunicazione della nota agenzia faentina di comici in forza a Zelig e Colorado Cafe',  e quella del rapper romano Piotta, storico artista dell'hip hop italiano.

 

Insieme a loro, tantissimi promoter e organizzatori tra i quali si segnalano, oltre naturalmente a  Giordano Sangiorgi, patron del Mei,  Mario Baldassarri, famosissimo organizzatore del Vip Master Tennis di Cervia e Milano Marittima, Michele Lionello , organizzatore di Voci per la Libertà - Amnesty International, Danilo Grossi, organizzatore di Martelive, ai quali si aggiungono nomi come Luciano Frikketti Trevisan, promoter di Skardy, leader dei PItura Freska, e la giornalista Rai Maria Cristina Zoppa e Renato Marengo conduttore di Demo.

 

Ma naturalmente tantissimi altri sono i nomi nelle oltre 200 firme raccolte a testimonianza della positiva ricaduta che il Mei apporta alla città di Faenza e ai suoi istituti culturali. Il Mei, dopo aver consegnato insieme al Club Unesco di Forlì tutte le adesioni raccolte, si augura quindi, anche con il suo contributo, che l'Unesco accetterà la candidatura del M.I.C. quale Monumento Messaggero di una Cultura di Pace.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -