Faenza: il più grande clown del mondo al teatro Masini

Faenza: il più grande clown del mondo al teatro Masini

FAENZA - Dopo l'inaugurazione affidata ai ragazzi di Bucarest e al loro Circo della Pace, prosegue la rassegna Un altro sguardo - Masini Circus, organizzata dal Comune di Faenza, Accademia Perduta e Teatro Due Mondi. Lunedì 9 febbraio alle ore 21 salirà sul palcoscenico del Teatro Masini "un amico" della città manfreda: David Larible, unanimemente riconosciuto come il più grande clown del mondo, che qui già si è esibito negli anni passati riscuotendo sempre un grandissimo successo.

 

Lo spettacolo può considerarsi la summa dei migliori numeri di David. È il frutto di anni d'esperienza trascorsi calcando le scene di tutto il mondo: dal piccolo schermo, alla scuola di vita del circo classico italiano, passando per le grandi e roboanti arene americane e sud americane, fino ad approdare nei più prestigiosi teatri di prosa.

 

Ma non è solo questo. Si tratta, prima di tutto, di una confessione artistica di David, un ritratto sincero della sua maschera e dell'uomo che la indossa, sempre meno distinguibili, un piccolo manuale di riso e poesia. In questo speciale allestimento David vuole evocare il mondo del clown nel suo aspetto più intimo e realistico ma nello stesso tempo poetico. Alterna gag visuali a brani musicali (suona cinque strumenti!) attingendo dal repertorio classico della clownerie al quale però, alla maniera dei Comici dell'Arte, apporta decisive innovazioni.

 

David rapisce, seduce, commuove. Commuove per la sua semplicità, per la naturalezza con cui davanti ai nostri occhi plasma la realtà di tutti i giorni: con lui il pubblico riesce a cancellarne il peso, ricomincia a giocare e vola con la poesia in alto, dove le cose diventano piccole e perdono quel contorno serio e quotidiano. Alla fine di questa avventura, guardandoci intorno sorridenti, ritroviamo le cose di sempre, le riconosciamo a fatica dopo che hanno brillato di luce propria, ma sappiamo che è sempre stata la nostra realtà quella che avevamo sotto il naso.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

David trasforma anche noi, il pubblico. Si dirige verso la platea, sceglie chi lo guarda negli occhi e lo coinvolge nel suo spettacolo dando così ogni volta una unicità e irripetibilità che sorprende e affascina. Affascina soprattutto la spontaneità e immediatezza con cui si rapporta al pubblico, riuscendo a rendere chiunque una perfetta spalla comica. Schernisce e ridicolizza, ma con un'ingenuità e simpatia disarmanti. Lo spettacolo è un crescendo di emozioni: risata dopo risata il pubblico si avvicina l'uno all'altro, sorride con e del suo prossimo. E David ne è profondamente consapevole: "ti senti parte di qualcosa quando ridi... ridendo non ci sentiamo soli". Solo ora David, dopo averci fatto abbandonare la nostra maschera, può abbandonare la sua per riprendere con umiltà da dove aveva iniziato: essere un uomo qualunque. Con l'anima del clown. Il clown dei clown.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -