Faenza: incontro di Cna sulle nuove politiche industriali per l'artigianato

Faenza: incontro di Cna sulle nuove politiche industriali per l'artigianato

E' in programma martedì 15 febbraio, alle ore 20.30, presso la sala assemblee del consorzio CILA di Faenza in via dell'Artigianato, 30 un interessante confronto sul tema "Tutele e nuove politiche industriali per l'Artigianato e le Piccole e Medie Imprese".

I cambiamenti del mercato dovuti alla crisi impongono misure di salvaguardia delle capacità produttive e professionali, per individuare scelte concrete per il rilancio della competitività.

"Strumenti a tutela del lavoro, quali gli ammortizzatori sociali, devono necessariamente essere affiancati da misure per lo sviluppo" - sottolineano i dirigenti della CNA.

 

"Pensiamo a un impegno che deve riguardare l'attuazione di politiche pubbliche; investimenti in infrastrutture sul territorio; programmi per il sostegno al credito e alle attività produttive, per ricerca, innovazione e formazione professionale. Un confronto aperto sulla nostra realtà produttiva, a partire dalla valutazione sulla situazione economica così fortemente caratterizzata da una fitta rete di piccole imprese e aziende artigiane che hanno saputo mantenere alto il livello di competitività locale".

 

L'assemblea sarà introdotta dalle relazioni di Daniela Toschi e Massimo Tassinari, rispettivamente responsabile Divisione Relazioni Industriali e responsabile Relazioni Sindacali e Contrattualistica della CNA di Ravenna. Le conclusioni saranno affidate al vicedirettore dell'Associazione, Massimo Mazzavillani. Presiederà i lavori Giampiero Zama, presidente della CNA di Faenza.

 

Il 2011 sarà ancora un anno difficile per l'economia. L'anno appena trascorso si è chiuso con importanti segnali di tenuta nell'attività delle imprese del comprensorio faentino: lo evidenziano alcuni dati riportati dalla Direzione CNA di Faenza, un risultato ottenuto con fatica e sacrificio delle imprese e legato a fattori concomitanti fra loro e caratterizzati dalla riduzione del margine di impresa e dalla difficoltà di riscossione dei pagamenti.

 

La CNA faentina ha assistito circa 300 imprese nell'accesso al credito, erogando - attraverso il coinvolgimento indispensabile della cooperativa di garanzia Unifidi - finanziamenti per 23 milioni di euro, un risultato importante e notevolmente superiore ai 17 milioni di euro erogati nel corso del 2009.

 

Molte le imprese che hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali, pur non avendoli utilizzati per tutti i dipendenti richiesti, un centinaio i lavoratori ancora interessati per una trentina di imprese coinvolte; ciò ha consentito di segnalare una importante tenuta anche sul piano occupazionale, evidenziando ancora un saldo attivo fra assunzioni e licenziamenti per le oltre 400 imprese seguite dalla CNA faentina nella gestione del servizio paghe.

Segni di una dinamicità dell'economia locale che, anche in un momento di crisi, ha saputo affrontare nuovi investimenti, accompagnata da una riorganizzazione imprenditoriale necessaria per affrontare il cambiamento di mercato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -