Faenza: lavoro, tecnologie e capitali. Venerdì incontro con l'onorevole Colanninno

Faenza: lavoro, tecnologie e capitali. Venerdì incontro con l'onorevole Colanninno

Faenza: lavoro, tecnologie e capitali. Venerdì incontro con l'onorevole Colanninno

FAENZA - Dove va l'economia? Dove va la società italiana? E' possibile invertire una rotta di declino che produce fuga di cervelli e spreco di risorse? E' possibile far sì che la crisi non debba ricadere sulle fasce più deboli della società? E' ipotizzabile che, proprio dall'Italia, dalle sue capacità, possa venire un contributo decisivo alla creazione di un modello di società che valorizzi le risorse umane, che sia più equo in termini distributivi, che rispetti l'ambiente? Sono le domande che verranno poste domani, venerdì 9, a Matteo Colaninno e Giuseppe Travaglino, ospiti d'eccezione alle 20,45 all'Auditorium di Sant'Umiltà, in via Pascoli 15, per il convegno dal titolo ‘Lavoro tecnologie, capitali' organizzato dal Partito Democratico di Faenza. Il dibattito sarà condotto da Luciano Dal Prato, responsabile del ‘Forum Economia' del Pd faentino.

Matteo Colaninno, nato a Mantova nel 1970, è figlio primogenito dell'imprenditore Roberto Colaninno. Ha ricoperto, fra le altre, le cariche di vicepresidente del gruppo Piaggio, di amministratore delegato e vicepresidente di Omniaholding, di vicepresidente della Banca Popolare di Mantova, di consigliere di amministrazione de ‘Il Sole 24 ore'. È stato presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria e vicepresidente di ‘Yes for Europe', la confederazione europea dei giovani imprenditori. Capolista per il Partito Democratico in Lombardia alle elezioni politiche dell'aprile 2008, è stato eletto deputato ed è stato successivamente indicato quale responsabile dello Sviluppo economico nel ‘governo ombra' istituito da Veltroni.

Giuseppe Travaglini è professore di economia politica all'Università di Urbino, dove insegna Macreconomia e Teoria dei mercati finanziari. Ha conseguito il Master in Economics all'Università di York, nel Regno Unito. Negli ultimi anni la sua ricerca si è rivolta allo studio dei fattori che sono alla base del declino dell'economia italiana. Oltre a una serie di pubblicazioni su riviste specializzate internazionali e nazionali ha pubblicato, con Enrico Saltari, il libro "Le radici del declino economico: occupazione e produttività in Italia nell'ultimo decennio". Sarà in libreria fra poche settimane un suo nuovo testo sull'economia italiana, in cui si affrontano anche i problemi connessi alle conseguenze reali della crisi finanziaria internazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -