Faenza: Lina Lama e Filippo Monti sono i due 'faentini de premio' per l'anno 2011

Faenza: Lina Lama e Filippo Monti sono i due 'faentini de premio' per l'anno 2011

La Giunta municipale ha approvato i nominativi designati dal Comitato per la Giornata del Faentino Lontano per l'assegnazione delle ambite onorificenze di "Faentino lontano" e "Faentino sotto la torre" per l'anno 2011.  Il prestigioso riconoscimento di "Faentino lontano" va quest'anno a Lina (Carolina) Lama, mentre quello di "Faentino sotto la torre" è stato assegnato a Filippo Monti.

 

Carolina, in arte Lina Lama, è nata a Faenza nel 1922. Da oltre cinquant'anni vive a Roma. È la maggiore strumentista italiana ed europea di viola del ‘900. Trasferitasi con la famiglia a Napoli, consegue il diploma in violino, viola, pianoforte e composizione al conservatorio della città, debuttando quale prima viola al teatro S. Carlo. Titolare della cattedra di viola al conservatorio di S. Cecilia di Roma dal 1959 al 1992, di cui tuttora è accademico, svolge una lunga ed affermata carriera concertistica in tutto il mondo, con oltre duemila esibizioni, anche in qualità di solista. In più occasioni, suoi concerti sono stati trasmessi da reti radio e tv nazionali e in Eurovisione.

 

Si è esibita in tutti i maggiori teatri d'Europa, Asia, Africa, Nord e Sud America. A Faenza ha tenuto l'ultimo concerto nel 1983, in occasione del 150° anniversario della nascita di Johannes Brahms. L'onorificenza di "Faentina Lontana" per l'anno 2011 le è stato assegnato per aver sempre onorato in questi anni l'amore per la musica e per la sua città natale.

 

Filippo Monti, nato a Faenza nel 1928, è architetto. Diplomato geometra nel 1947, segue i corsi di pittura e disegno alla scuola di Arti e Mestieri, sotto la guida di Francesco Nonni, e si iscrive alla facoltà di Architettura di Firenze, dove si laurea nel 1954. A Faenza, nel solco della scuola dei grandi architetti neoclassici della città, per oltre mezzo secolo sviluppa la propria originale ed innovativa ricerca, rapportandola al contemporaneo, come testimoniano le opere pubbliche e private realizzate, il cui riconosciuto valore artistico è tutt'oggi oggetto di studio nelle facoltà di Firenze e Venezia.

 

Tra le sue opere più significative segnaliamo: la chiesa di S.Vincenzo de' Paoli a Bologna, il complesso residenziale S.Margherita a Faenza, la sede centrale delle Poste e Telegrafi di Faenza e la ristrutturazione della sede della Camera di Commercio Industria e Artigianato di Ravenna.

Uomo d'arte e cultura tout court, è altresì apprezzato per il grande lavoro di traduzione in romagnolo della Commedia dantesca.

Per i grandi meriti acquisiti, gli è stata assegnata l'onorificenza di "Faentino sotto la Torre" per l'anno 2011.

La cerimonia di consegna dei premi al Faentino lontano e al Faentino sotto la torre, avrà luogo domenica 26 giugno 2011, al teatro comunale Masini, nel corso della 52^ edizione della "Giornata del Faentino lontano".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -