Faenza, Nomadi in concerto per "I viaggi della speranza"

Faenza, Nomadi in concerto per "I viaggi della speranza"

Faenza, Nomadi in concerto per "I viaggi della speranza"

Sabato 16 aprile alle ore 21 al Palamokador di Faenza (Piazzale Mario Tambini, 5) i Nomadi in concerto. L'iniziativa di beneficenza è organizzata dalla onlus Cosmohelp di Faenza, in collaborazione con il MEI -Meeting degli Indipendenti e Casa della Musica, a sostegno del progetto "I Viaggi della Speranza", insieme all'aereonautica militare italiana per sostenere ed aiutare bambini stranieri ed italiani affetti da rare e gravi malattie, bisognosi di cure all'estero o in Italia.

 

A sostegno dell'iniziativa si esibiranno i Nomadi, gruppo storico del pop rock italiano fondato nel 1963 dal tastierista Beppe Carletti e dal cantante Augusto Daolio con cinquantacinque album prodotti, tra i più conosciuti e longevi complessi della musica leggera italiana e noti al grande pubblico per la storica canzone "Io vagabondo" e per un repertorio che ormai è parte della storia della musica del nostro paese.

 

In apertura si esibirà la rock band Geisha, in uscita con il loro ultimo album "Tacco12" e con il loro singolo "Angelo dai tacchi a spillo" disponibile a € 0,99 su i-Tunes, un omaggio alle donne e alle varie tipologie di rapporti d'amore che è possibile instaurare con loro.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con il progetto "I Viaggi ella Speranza, progetto al quale sarà devoluto il ricavato del concerto, CosmoHelp è riuscita nel 2010 ad affrontare e portare avanti 47 casi di bambini affetti da gravi patologie: 6 arrivati in Italia ancora nel 2008, 4 arrivati in Italia nel 2009, 18 casi del tutto nuovi arrivati in Italia nel 2010 per la prima volta e 19 rientri, riuscendo a dare una speranza di una vita migliore a molti bambini e ragazzi provenienti da paesi in difficoltà come Bosnia, Albania, Kosovo, Ucraina, Marocco, Nigeria, Eritrea, Etiopia, Tanzania, Sri Lanka, Afghanistan e tanti altri.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -