Faenza, parte il tour promozionale della pesca nettarina

Faenza, parte il tour promozionale della pesca nettarina

FAENZA - È buona, sana, ricca di elementi nutrizionali importanti e può essere consumata dai turisti in vacanza sulla riviera romagnola a pochissimi chilometri dai luoghi di produzione. È la pesca e nettarina di Romagna IGP, che sarà protagonista a partire dal 3 luglio della nuova edizione di "Un mare di frutta", il tour promozionale promosso da CIA, Confagricoltura e COPAGRI nelle località più alla moda del distretto del divertimento, da Milano Marittima a Riccione e oltre.

L'iniziativa ha l'obiettivo di far apprezzare il prodotto tipico della Romagna, al tempo stesso gustoso e dai valori nutrizionali importanti. Pesche e nettarine (che si differenziano dalle prime per la buccia liscia, anziché vellutata) sono infatti alimenti ricchi di sali minerali, vitamina C, vitamina A e potassio, che donano un'importante azione antiossidante e antiinfettiva, oltre ad aiutare l'abbronzatura e a prevenire gli stati di spossatezza e insonnia tipici dell'estate.

"Un mare di frutta" si svolge a partire dalle 20, nel momento e nei luoghi del passeggio serale: il 3 luglio a Milano Marittima nei pressi della rotonda I Maggio, il 10 luglio a Marina di Ravenna in piazza Markus, il 14 luglio a Cesenatico in piazzale Ciceuracchio, il 15 luglio a Riccione in viale Ceccarini, il 29 luglio a Cattolica in piazza I Maggio e infine il 3 agosto a Cervia in piazza Garibaldi.

Ai turisti verrà sottoposta una degustazione di tre diverse varietà di pesche e tre di nettarine, chiedendo loro una valutazione immediata di gusto e sapore di quanto assaggiato: una sfida a metà tra il gioco e il test che consente di scoprire le caratteristiche peculiari delle pesche e nettarine IGP di Romagna. L'iniziativa si svolge in collaborazione con le aziende Granfrutta Zani, Terremerse, Minguzzi, Orogel Fresco, Apofruit, Cepal e Agrintesa.

I numeri di pesche e nettarine in Romagna e il disciplinare IGP
La Romagna si conferma leader italiana nella produzione di pesche e nettarine con una quantità complessiva di quasi 450.000 tonnellate (dati CSO). Dalla sola provincia di Ravenna, con Faenza in prima fila, ne esce ogni anno praticamente la metà: oltre 184.000 tonnellate di nettarine e 54.000 di pesche. Chiaramente sul totale di pesche e nettarine prodotte in Emilia-Romagna sono solo circa 700 aziende ad avere gli ettari certificati IGP. Gli ettari attualmente destinati alla produzione certificata sono 1.927, con una potenzialità produttiva importante non solo a livello territoriale.

IGP sta per "Indicazione Geografica Protetta", una certificazione per la quale sono necessari dei requisiti di conformità relativi all'origine del prodotto, ai suoi processi di trasformazione e ai parametri organolettici del frutto, che di solito è più piccolo ma anche più maturo e gustoso. Le varietà di pesche attualmente più coltivate sono Spring Belle Favette, Sprincrest, Redhaven, Elegant Lady e Royal Glory, mentre fra le nettarine predominano Stark Red, Venus, Big Top Srping Red e Caldesi 2000.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -