FAENZA - Proseguono le iniziative legate al concorso letterario ''Ma adesso io...''

FAENZA - Proseguono le iniziative legate al concorso letterario ''Ma adesso io...''

FAENZA - Proseguono le iniziative legate al progetto “Ma adesso io…”, il concorso letterario promosso dall’assessorato alle pari Opportunità del Comune di Faenza per favorire la valorizzazione e la presenza delle donne in ambito culturale e sociale.


Domani, martedì 11 marzo, alle ore 18.00, all’enoteca Astorre di Faenza, incontro con tre scrittrici: Lorena Sali, l’autrice di Lei Cammina, Alessandra Neri (Nove mesi) e Commessa Frustrata, lo pseudonimo dell’autrice che è anche il titolo del suo libro.


Lorena Sali è nata a Forlì, dove vive e lavora. Ha pubblicato articoli su quotidiani e periodici; è autrice di poesie e appassionata di fotografia.


Nel 2007 ha ricevuto una menzione speciale dalla Regione Emilia Romagna per il racconto Quegli occhi azzurri come il cielo.

Lei cammina è il suo primo romanzo, un’opera di narrativa ricca di suspense, mistero e ironia, con il quale nel 2006 è stata tra i finalisti del premio letterario “Il libro parlante”.


Alessandra Neri è nata invece a Massalombarda. Laureata in Lettere classiche, insegna materie letterarie. Esordisce nella narrativa per Il Maestrale con il romanzo Nove mesi.


Costretta in un letto d’ospedale da un male incurabile, una giovane insegnante, a neanche quarant’anni, fa un bilancio della propria vita, dei propri fallimenti, dei propri sogni morti.


C.f. (Commessa frustrata) presenta gag e deliri esilaranti e paradossali che possono nascere con l’involontaria collaborazione di clienti straordinariamente geniali o ignoranti.


La serata è realizzata in collaborazione con la casa editrice faentina Tempo al Libro.


Mercoledì 12 marzo, invece, al cinema Sarti di Faenza, con inizio alle ore 21.00, proiezione del film documentario “Vogliamo anche le rose”, scritto e diretto da Alina Marazzi.


Una pellicola sul profondo cambiamento portato dalla liberazione sessuale e dal movimento femminista in Italia tra gli anni Sessanta e Settanta, attraverso la storia di tre donne – Anita, Teresa e Valentina – che hanno vissuto in quegli anni, in città diverse e lontane, senza mai incontrarsi.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -