FAENZA - Teatro, al Masini va in scena la compagnia Babilonia Teatri

FAENZA - Teatro, al Masini va in scena la compagnia Babilonia Teatri

FAENZA - Ultimo spettacolo serale per la rassegna Un altro sguardo sul Lavoro, organizzata dall’Amministrazione Comunale, Accademia Perduta/Romagna Teatri e Teatro Due Mondi. Martedì 19 febbraio alle ore 21 al Teatro Masini di Faenza andrà in scena la compagnia Babilonia Teatri, vincitrice del prestigioso Premio Scenario 2007, con lo spettacolo Underwork.


Lo spettacolo Underwork non ha nessuna pretesa informativa sul tema del lavoro precario. Non condanna, non spiega, non suggerisce soluzioni. Fotografa una situazione di incertezza. Cosa c’è da spiegare quando nulla ha più senso? Ce n’è, lavoro ce n’è! Lo dice la legge, lo dice chiaro. La legge 30, la legge Biagi. Precari non ce n’è, atipici nemmeno. La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni. È un tempo di mezzo, siamo a mollo, annaspiamo, siamo a mollo.

Facciamo l’idromassaggio, siamo a mollo, starnutiamo, siamo a mollo. Beviamo cocktails, siamo a mollo. Come al mare, come nella pancia della mamma. Come chi non sa nuotare.

Biglietti: € 5 per ragazzi fino a 27 anni e loggione; € 10 per over 27. - Info: 0546/21306 e www.accademiaperduta.it


Giovedì 21 febbraio alle ore 14 e venerdì 22 febbraio alle ore 9 presso la Casa del Teatro (via Oberdan 9/a, Faenza) proseguiranno invece gli appuntamenti per le Scuole Medie Superiori del Comune. L’attore brasiliano Jerson Fontana presenterà il suo spettacolo Quem faz gemer a terra (Ciò che fa gemere la terra) di Charles Kiefer, a cui seguirà un incontro con l’attore sul tema del movimento dei sem terra (senza terra) brasiliani.


Mateus, il protagonista, racconta la storia della sua vita: il rapporto col nonno tedesco, gli incontri/scontri col padre, la vita in famiglia, la vendita della piccola proprietà rurale per pagare il debito bancario, i suoi amori, il prete, la religione, l'ingresso nell'accampamento dei "Sem Terra” (movimento politico dei contadini senza-terra), gli incidenti della vita in campagna, l’uccisione del soldato. Tratto dall’omonimo romanzo di Charles Kiefer, famoso e pluripremiato scrittore brasiliano, lo spettacolo usa un linguaggio peculiare, ricco di passaggi improvvisi da un’emozione ad un'altra, da un tempo ad un altro, con l’attore che interpreta i diversi personaggi, riuscendo a far commuovere, divertire, sorprendere. Un lavoro di straordinaria umanità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Info e prenotazioni: 0546/622999



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -