Faenza, un batterio minaccia la coltivazione dei kiwi

Faenza, un batterio minaccia la coltivazione dei kiwi

Faenza, un batterio minaccia la coltivazione dei kiwi

FAENZA - La coltura dell'actinidia nella Regione Emilia-Romagna interessa circa 3.500 ettari, che si trovano in particolare nel territorio faentino, con una produzione di circa 50 mila tonnellate, pari ad una Produzione lorda vendibile di oltre 30 milioni di euro. "Il comune di Faenza non può permettersi ulteriori elementi negativi nel settore agricolo oltre ai problemi derivati dai prezzi passi della frutta", ha detto l'assessore alla politiche agricole Roberto Savini.

 

Per questo motivo l'Amministrazione comunale è preoccupata per una nuova minaccia che potrebbe rendere sempre più difficile la coltivazione del Kiwi nel nostro territorio, minaccia rappresentata da un batterio (Pseudomonas syringae pv actinidiae), che è molto pericoloso, in quanto capace di determinare in tempi rapidi la morte della pianta.

 

"Si rende pertanto necessario - continua l'assessore Savini - coinvolgere tutti i soggetti interessati a salvaguardare questa coltura e la nostra agricoltura specializzata. A questo proposito riuniremo in questi giorni in Municipio i rappresentati degli agricoltori, le centrali ortofrutticole che gravitano nel territorio, i venditori di mezzi tecnici, i commercianti di frutta e le società di servizi per mettere a punto una strategia comune per mantenere viva l'attenzione di tutti gli Enti, verso questa avversità".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In casi come questo di una minaccia molto grave - conclude l'Assessore - è fondamentale un approccio unitario, non possiamo infatti pensare che avvenga da noi ciò che è successo in provincia di Latina, dove questa malattia ha causato la distruzione della coltura in interi territori con danni enormi alle aziende agricole e all'indotto".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -