Faenza: una serata speciale, lunedì, al Cinema Italia

Faenza: una serata speciale, lunedì, al Cinema Italia

FAENZA - Musica dal vivo e cinema sono i due componenti che animeranno il prossimo appuntamento della rassegna "Lunedì Cult Movie" di Faenza. Infatti, lunedì 6 aprile al Cinema Italia prenderà vita un vero e proprio evento grazie alla presenza del mitico Roberto Freak Antoni, leader indiscusso degli altrettanto mitici Skiantos. A lui il compito di aprire la serata, ore 21, con un concerto nel quale si esibirà accompagnato dalla pianista Alessandra Mostacci. A seguire, prima della proiezione di "Beket" (di cui Antoni fa parte del cast) interverrà anche il regista di questo originale quanto eccentrico film, Davide Manuli.   La serata, che gode del patrocinio dell'Amministrazione Comunale Manfreda, è realizzata da Cinemaincentro in collaborazione con il MEI - Meeting delle Etichette Indipendenti.

 

La storia. Freak e Jajà si trovano in una terra di nessuno, senza data né tempo. L'uomo non abita più il pianeta. Solo qualche strano personaggio sopravvissuto appare raramente. I due protagonisti si incontrano ad una fermata del bus in mezzo al nulla, senza conoscersi. Il bus arriva, ma non si ferma. Era il bus che portava a Godot, il Dio che si è manifestato al di là della montagna sotto forma di sonorità musicale. Avendo perso il bus, Freak e Jajà decidono allora di cercarlo a piedi.
Iniziano così un viaggio che farà loro incontrare i bizzarri personaggi che abitano questa landa.
Troveranno un mariachi cantastorie, due attori che recitano Adamo ed Eva in mezzo ad un lago salato, un bambino che sembra il "magico" portavoce di Godot, un oracolo che vive sulla torre d'estrazione di una miniera abbandonata... ed infine una ragazza solitaria che vive sulle rive di un mare...

«Lode dell'eccentricità: in una realtà come quella cinematografica italiana, ove tutto (o quasi) è preconfezionato o bellamente sfornato dalla catena di montaggio, un UFO come il Beket di Davide Manuli, diviene una pellicola urgente, "necessaria", si sarebbe detto ai tempi della cinefilia militante - spiega Andrea Bruni, direttore artistico di "Lunedì Cult Movie" -. In una Sardegna ingrigita e di slabbarata desolazione (ottima fotografia di Tarek Ben Abdallah), nuova "no man's land", il Cantore dell'Assurdo (Samuel Beckett, chi altri?) sembra incontrare  Ciprì e Maresco con il loro repertorio di stralunate ruvidezze: un'opera "on the road" (i protagnisti son due vagabondi che potrebbero tranquillamente chiamarsi Vladimiro ed Estragone), alla ricerca, come dice saggiamente Fabio Ferzetti "di un dio beffardo che si manifesta in trance techno-pop o magari si nasconde dietro personaggi assurdi e sfuggenti. È un carnevale in bianco e nero di incontri impossibili, di autobus che volano sopra chi li aspetta, di mitologie degradate e derisorie". Fondamentale l'apporto dell'icona "underground" Roberto Freak Antoni con le sue sbilenche, sulfuree, filastrocche post punk».

 

E prima dell'appuntamento al Cinema Italia, il "Lunedì Cult Movie" propone la consolidata formula della rassegna: si cena in un locale del centro di Faenza e poi si va, rigorosamente a piedi facendo una breve passeggiata, al Cinema in via Cavina, 9. Il tutto con un biglietto unico promozional-cumulativo di 15 Euro (ingresso solo cinema+concerto Euro 6,50 intero). I locali che partecipano all'iniziativa sono: Osteria della Sghisa, Las Ramblas, La Segreta, Ristorante Angusto, Rossini Artcafè, Spaghetti Notte, Osteria del Mercato, Caffè Taverna Cavour, Zingarò, Aromi caffè.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per informazioni: Cinema Italia tel. 0546 21204 www.cinemaincentro.com

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -