Falsifica documenti per 1.800 euro, funzionario Ausl nei guai

Falsifica documenti per 1.800 euro, funzionario Ausl nei guai

CESENA – Peculato, uso di atto falso e falsità ideologica e materiale in atti pubblici. Sono queste le ipotesi di reato che hanno fatto finire a processo un ex dipendente dell’Ausl di Cesena, Giorgio Stringara, che mercoledì è stato condannato a due anni e mezzo di carcere in primo grado, pena condonata. Secondo l’accusa, sostenuta dal pm Fabio Di Vizio, l’uomo nel 2005 si sarebbe intascato 1800 euro falsificando la distinta del versamento dei soldi incassati.


Questo, grazie ad un congegnoso sistema utilizzato dal cassiere che avrebbe fatto superare al proprio “trucchetto” un primo controllo. La vicenda è emersa grazie ad un controllo incrociato dell’Ausl, costituitasi parte civile e assistita dall’avvocato Mario Manuzzi. Inizialmente il sospetto per quella considerevole mancanza di denaro (dei 2900 euro dichiarati in cassa, ne erano stati consegnati solo 1100), era ricaduto sul corriere che aveva lo aveva prelevato. Ma il video di sorveglianza, controllato per verificare una tale ipotesi, aveva mostrato che l’apertura del plico contenente il denaro incassato dall’Ausl quel giorno era avvenuta correttamente.


L’attenzione si era quindi spostata su chi aveva avuto accesso a quei soldi prima dell’arrivo del corriere ed è stato attraverso perizie grafiche sulla distinta di versamento e sulla documentazione rimasta invece all’Ausl che si è arrivati ad identificare Stringara, difeso dall’avvocato Gianluca Barravecchia, come possibile responsabile. E l’imputato avrebbe, in un momento successivo, effettivamente confermato che in cassa, prima dell’arrivo del corriere, c’erano 2900 euro, ma di dove fossero finiti i 1800 euro mancanti non ne sapeva nulla. Insomma, non era lui il responsabile del “buco”.


Il collegio di giudici (Orazio Pescatore e, a latere, Elisa Mariani e Mirko Margiocco) hanno però ritenuto valida l’ipotesi accusatoria, comminando all’uomo una condanna a due anni e mezzo di carcere, insieme al risarcimento del danno, anche morale, subito dall’Ausl. Insieme a questo c’è anche l’interdizione temporanea dai pubblici uffici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

lisa tormena

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -