Ferrara, muore dopo aggressione. Forlivese in carcere per omicidio

Ferrara, muore dopo aggressione. Forlivese in carcere per omicidio

Ferrara, muore dopo aggressione. Forlivese in carcere per omicidio

FERRARA - Un barista forlivese di 32 anni, da tempo residente a Ferrara, Matteo Ricci, è stato arrestato dai Carabinieri con l'accusa di omicidio. Il giovane è accusato è accusato di aver colpito con un pugno nella nottata tra mercoledì e giovedì il 39enne Filippo Zambelli, operaio e padre di due figli di 4 e 10 anni, al termine di una discussione all'esterno del circolo-discoteca Arci 'Renfe'. Prima dell'aggressione il 39enne ed altre persone avevano pesantemente litigato.

 

Zambelli è stato trovato agonizzante all'esterno del locale con un trauma al capo ed ecchimosi ad un occhio. Ricoverato all'ospedale 'Sant'Anna' di Ferrara in condizioni gravissime, è stato operato nella nottata di venerdì per l'aggravarsi delle condizioni. Il 39enne è entrato in coma per il peggioramento dell'edema cerebrale. E sabato mattina è deceduto. Subito i Carabinieri hanno raccolto diverse testimonianze che hanno inchiodato il 32enne.

 

Ascoltato dagli inquirenti, Ricci ha ammesso tutte le sue responsabilità, collaborando nella ricostruzione dei fatti alla presenza di un avvocato d'ufficio. Con il racconto del forlivese è stata indagata anche un'altra persona. Ora il barista è in carcere a Ferrara a disposizione dell'autorità giudiziaria. Il magistrato ha disposto l'autopsia sul corpo di Zambelli.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -