Ferrovie oggi come 40 anni fa: i tempi di percorrenza non cambiano

Ferrovie oggi come 40 anni fa: i tempi di percorrenza non cambiano

In 40 anni è cambiato tutto, ma nonostante i progressi della tecnica, la modernizzazione della rete, la maggiore potenza delle motrici, il viaggio dei pendolari non ha visto miglioramenti. Secondo i dati di Legambiente, andare da Castel Bolognese a Bologna nel 1969 richieda 40 minuti; oggi, nell’era di internet e della comunicazione globale, il tempo di percorrenza è lo stesso. Se non peggiorato, visti i ritardi che di tanto in tanto appesantiscono i viaggi dei pendolari.


Mercoledi 6 febbraio prende il via la campagna di Legambiente contro lo smog e la “MAL'ARIA” con un presidio davanti alla Stazione Centrale di Bologna. L'iniziativa dell'associazione avrà un momento importante con “Pendolaria” la seconda Assemblea Nazionale dei pendolari che si svolge a Milano Venerdì 8 febbraio, con la presenza dei comitati locali degli utenti, dei massimi dirigenti di FS e di numerosi esponenti delle istituzioni.

Nell'occasione Legambiente ha presentato i risultati di una indagine che ha preso in esame gli orari dei treni che viaggiano sulle linee ferroviarie dell'Emilia Romagna: in 40 anni è cambiato tutto, ma nonostante i progressi della tecnica, la modernizzazione della rete, la maggiore potenza delle motrici, il viaggio dei pendolari non ha visto miglioramenti.


Gli esperti dell'associazione hanno preso come base il 1969 l'anno in cui l'uomo andava sulla Luna, i Beatles suonavano per l'ultima volta in pubblico sul tetto della loro casa discografica londinese, in America si svolgeva il concerto di Woodstock e nasceva Arpanet, la rete di computer che ha poi vita a internet. In quell'anno per un pendolare della linea tra Castel Bolognese e Bologna, erano necessari dai 35 ai 40 minuti di viaggio (a seconda del treno) per raggiungere il capoluogo emiliano; i suoi colleghi che partivano da Piacenza impiegavano circa un'ora e cinquanta per raggiungere le Due Torri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Nel 2008, nell'era di internet, della comunicazione globale che ha il reso il mondo più piccolo, basta un computer per fare il giro del mondo in pochi minuti e dialogare in tempo reale con chiunque. Tutto è cambiato ma non per i pendolari. Il viaggio tra Castel Bolognese e Bologna, è sempre di 35 - 40 minuti (a seconda del treno). Più "fortunati" si dovrebbero ritenere i pendolari in partenza da Piacenza che hanno visto in quasi quarant'anni il loro viaggio diminuire in alcuni casi anche di 15-20 minuti, sempre se il treno è in orario (ma alcuni regionali impiegano anche qualche minuto in più che nel 1969).

“La nostra indagine – ha spiegato Luigi Rambelli, Presidente di Legambiente Emilia-Romagna - ha considerato i vecchi orari ferroviari, dal 1969 a oggi, per vedere se le nuove tecnologie e treni più veloci ed efficienti avessero alleviato la condizione dei pendolari che ogni giorno raggiungono il capoluogo emiliano in treno. A parte qualche caso particolare – ha aggiunto - poco o nulla sembra essere cambiato in quarant'anni per quanto riguarda i tempi di percorrenza: nonostante le potenzialità della rete possano consentire anche medie intorno ai 120 km/h, i convogli viaggiano a velocità molto più basse. Basti pensare a quelli della nuova linea tra Bologna e Vignola inaugurata qualche anno fa che non raggiungono i 40 km orari”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -