Festival di Sanremo, Chiambretti: ''Sono stato il primo guastatore tv''

Festival di Sanremo, Chiambretti: ''Sono stato il primo guastatore tv''

Roma, 27 feb. (Adnkronos) - "La televisione ha poca memoria. Il primo guastatore in tv sono stato io. I miei emuli hanno iniziato con il diktat di correre dietro a qualcuno, mentre nelle mie imboscate c'erano anche domande, segnali, musiche e un montaggio. Non c'era solo la corsa alla ricerca di un vaffanculo".

Lo scrive il conduttore del Dopofestival, Piero Chiambretti, nel diario da Sanremo pubblicato sul numero di 'Chi' in edicola domani. "Per due volte stavo per fare il Dopofestival e poi sono rimasto a casa. Ero arrivato sulla soglia del teatro Ariston e poi mi hanno chiuso la porta in faccia. Una volta con la Ventura, una con Vespa", scrive Chiambretti che aggiunge: "E' il Festival numero 57, e' partito il 27, Baudo e' nato il giorno 7 e io vengo da La7. Ci mancava solo il 740 di Baudo che, pero', stava per essere snellito dalla finanziaria".

Nel suo diario, fatto anche di ricordi personali, Chiambretti racconta: "Gabriele Muccino si e' trasferito in America anche per fare fortuna e forse per sobbarcarsi il peso degli alimenti della violinista di cui mi innamorai a Sanremo nel '97. Dicono che per me aleggi il suo fantasma, ma e' acqua passata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -