Fidenza: il sindaco 'gemello' di Herrenberg cittadino onorario

Fidenza: il sindaco 'gemello' di Herrenberg cittadino onorario

FIDENZA - La città di Fidenza ha accolto tra i suoi cittadini onorari Volker Gantner, sindaco della città gemella di Herrenberg dal 1985 al 2008.

 

Dal 1989, anno in cui Fidenza e Herrenberg hanno dato vita a un bellissimo e proficuo gemellaggio che si è consolidato negli anni, Volker Gantner ha rappresentato per i fidentini una presenza costante e non ha mai perso l‘occasione di essere presente nei momenti importanti della comunità, quando si parlava di Europa e di come far crescere la cultura europea.

 

"Per la preziosa professionalità e amicizia dimostrata verso Fidenza in questi anni di cammino comune per la piena affermazione dei valori dell'Europa", come cita la motivazione, sabato 24 maggio il consiglio comunale di Fidenza, riunito in una seduta straordinaria, ha conferito la cittadinanza onoraria a Volker Gantner.

 

Ad accogliere il sindaco Gantner in un affettuoso abbraccio sono stati: il sindaco di Fidenza, Giuseppe Cerri, il professor Claudio Rossi, sindaco di Fidenza che nel 1989 siglò il gemellaggio con Herrenberg, Massimo Tedeschi, già sindaco di Fidenza, Paolo Antonini, vicesindaco e assessore all'Europa e Rapporti internazionali, Gabriele Getzeny, vicesindaco di Herrenberg, Gabriele Hütenberger, presidente del Comitato gemellaggi di Herrenberg, la giunta e il consiglio comunale di Fidenza, e tanti cittadini che in questi anni hanno avuto modo di conoscere e apprezzare Volker Gantner e la comunità di Herrenberg.

 

«La figura del dottor Volker Gantner è stata fondamentale per lo sviluppo e la crescita delle relazioni fra le due comunità. Il legame, divenuto forte con il passare del tempo, ha anticipato il vero spirito europeo, trasformando un semplice rapporto istituzionale in occasioni di vera amicizia personale», ha detto il presidente del consiglio comunale, Luigi Toscani.

 

Stima e affetto per il sindaco emerito di Herrenberg sono stati espressi anche da Claudio Rossi, che nel 1989, in qualità di sindaco di Fidenza, siglò il gemellaggio con la cittadina tedesca. «Sono passati tanti anni dal nostro primo incontro e in questo periodo sono cambiate tante cose. Quando ci siamo conosciuti c'era il muro di Berlino, la Germania era divisa, c'era l'Unione sovietica, c'erano la lira e il marco, e l'Europa non era unita - ha detto Claudio Rossi - Ora siamo cittadini europei e se noi fidentini siamo cresciuti nello spirito europeo, lo dobbiamo anche alla figura di Volker».

 

Un commosso Massimo Tedeschi ha quindi tracciato un ritratto affettuoso di Volker Gantner: «Chi è per me Volker? E' innanzi tutto un tedesco: preciso, organizzato, serio, professionale, curioso, amante della cultura e dell'urbanistica. E' un europeo. Volker è stato presente tutte le volte che Fidenza ha avuto un'esposizione europea. E' un amico dell'Italia e di Fidenza e conosce la storia di Parma e di Verdi meglio di molti italiani. Ha seguito con grande interesse l'evoluzione della nostra città, come noi abbiamo fatto con Herrenberg. E' un amico della città, ma anche un amico personale».

 

Il vicesindaco di Herrenberg, Gabriele Getzeny, ha portato alla città di Fidenza il saluto del nuovo sindaco di Herrenberg, Thomas Sprißler, e ha sottolineato come «la città di Herrenberg è onorata di questo riconoscimento a Volker Gantner. Lo vediamo come un segno di grande amicizia tra le nostre città, un'amicizia che vorremmo approfondire ulteriormente».

 

«Molto spesso i rapporti di gemellaggio sono destinati ad avere un abbrivio intenso per spegnersi lentamente nelle difficoltà, nel quotidiano e nella distanza. Così non è stato per noi e questo è un successo da evidenziare e di cui rendere merito ai tanti "coltivatori", italiani e tedeschi, di un terreno che ha saputo dare molti frutti. E' doveroso rivolgere un grazie a tutti coloro che hanno regalato il loro impegno in questa direzione, sono tutti parte di un bellissimo esempio di condivisione europea - ha detto il sindaco Giuseppe Cerri - Nella storia del felice connubio tra Fidenza e Herrenberg,  lei è stato un attore protagonista, forse l'attore principale; una storia, la nostra, composta di tanti aspetti sottesi a uno fondamentale, che penso di poter identificare nell'intensa e comune volontà di rafforzare, attraverso il gemellaggio, i valori dell'Europa unita e collaborativa, che hanno sviluppato in tutti noi la sempre maggior consapevolezza di essere cittadini del nostro straordinario Paese Europeo».

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine Volker Gantner, visibilmente commosso, ha ringraziato gli amici fidentini con un discorso che ha rivelato, ancora una volta, il suo grande affetto per Fidenza e per l'Italia. «Ricevere questo riconoscimento è un onore. Sto vivendo uno dei momenti più belli della mia vita. Il mio entusiasmo per l'Italia e per l'Europa viene da lontano, dalla mia infanzia. Ho nel cuore i fine settimana trascorsi con gli amici fidentini al fiume, in campagna, in gita, in bicicletta: sono esperienze impagabili perché sono state vissute con amicizia - ha detto Volker Gantner - Vivete in una delle zone più serene del mondo: terra di Giuseppe Verdi, di Giovannino Guareschi, del prosciutto, del Parmigiano Reggiano, una terra che grazie alla laboriosità dei suoi abitanti gode di un'economia fiorente. Apprezzo lo sviluppo di Fidenza, il rispetto e la valorizzazione del passato e lo sguardo rivolto al futuro. Sono così entusiasta della vostra città e della cittadinanza che mi vedrete ancora molto spesso a Fidenza».

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -