"Figli di un bacco minore" a Bagnacavallo i vini migliori

"Figli di un bacco minore" a Bagnacavallo i vini migliori

"Figli di un bacco minore" a Bagnacavallo i vini migliori

Apre sabato 31 maggio fino al 2 giugno a Bagnacavallo, "Figli di un Bacco Minore?" la manifestazione nazionale dei vitigni autoctoni e di tradizione italiani. Nel chiostro del convento di San Francesco. Sono attese tra le 900 e le 1000 cantine in rappresentanza di tutte le regioni italiane, dalla Sicilia all'Alto Adige e di 375 vitigni autoctoni o di antica coltivazione.  Saranno disponibili circa un migliaio di vini per la degustazione. Presenti anche vini d'eccellenza francesi.

 

La formula di "Figli di un Bacco Minore?" da sempre non è una "fiera", ma una grande vetrina culturale del "bere italiano" dove è valorizzata la biodiversità dei piccoli e piccolissimi vitigni, le piccole produzioni ma anche i vini che già oggi rappresentano una valida, in molti casi ottima, alternativa al gusto internazionale dominante.

 

Durante la manifestazione saranno proposti incontri e convegni oltre a degustazioni , verticali ed orizzontali. Ai tradizionali tavoli di degustazione suddivisi per regione si affiancheranno anche diversi tavoli tematici dedicati a vitigni selezionati, e in questa edizione verrà dato particolare risalto ai vini biodinamici e come regione ospite il palco sarà dedicato alla Linguadoca. Ad accompagnare le degustazioni sarà previsto un rilevante spazio espositivo dedicato a qualificate proposte gastronomiche, espressioni dell'eccellenza gustativa e del patrimonio dei Presidi Slow Food.

 

Orari, prezzi e novità dell'edizione 2008
Anche quest'anno è attivo il sito internet www.figlidiunbaccominore.it, costantemente aggiornato con ogni informazione sulla manifestazione.
"Figli di un Bacco minore?" è aperta nei seguenti orari:
- sabato 31 maggio dalle 16 alle 24;
- domenica 1 giugno dalle 16 alle 24;
- lunedì 2 giugno dalle 11 alle 22.


Il biglietto d'ingresso, che comprende la possibilità di degustare tutti i vini selezionati, ha un costo di 17 euro per i soci Slow Food (con il libro "vitigni d'Italia") o di 13 euro senza libro. Per i non soci il costo è di 20 euro o di 16 euro senza libro.

Quest´anno, la manifestazione presenta diverse novità.
Ventidue tavoli di degustazioni vinose, suddivisi tra tavoli dedicati alle regioni e tavoli monotematici su vitigni selezionati. Inoltre troveranno ampio spazio anche i vini biodinamici e le verticali, tra cui segnaliamo:
- " La Ribolla Gialladi Ales Kristancic - Cantina Movia" sabato 31 maggio ore 21.00;
- "Sorseggiando Banyuls"  lunedì 2 giugno ore 15.30;
- "Il Primitivo di Manduria: una storia in movimento" lunedì 2 giugno ore 18.30.
Le regioni ospiti francesi saranno la Langued´Oc e Roussillon che proporranno i loro vini d´eccellenza.
Raddoppia la sezione dedicata ai prodotti alimentari d´eccellenza, con artigiani, caseari, dolciari, salumieri, provenienti da tutta Italia. Sarà possibile assaggiare ed acquistare direttamente i prodotti.
Il mercato, denominato "La Cantina delle Cantine" dà la possibilità ai privati di acquistare il vino direttamente dai produttori al prezzo solitamente proposto in cantina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Infine ricordiamo sabato 31 maggio, alle 17, il convegno "Le cantine sociali e cooperative nel mondo del vino. Storia, caratteristiche distintive e prospettive" e domenica 1 giugno, sempre alle 17 la presentazione del libro "La vigna, il vino e la biodinamica" di Nicolas Joly.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -