Forlì: accese le luminarie natalizie, 50 arcate in più rispetto al 2008

Forlì: accese le luminarie natalizie, 50 arcate in più rispetto al 2008

La stella cometa di piazza Saffi

FORLI' - Si sono accese venerdì pomeriggio le luminarie a Forlì. Un appuntamento che quest'anno si inserisce nella polemica apertasi per la decisione dell'Amministrazione comunale di non allestire un grande albero di Natale ma di procedere con la realizzazione di 30 alberi di dimensioni ridotte addobbatti con materiale di riciclo. Altra novità degli addobbi natalizi del centro storico è l'utilizzo di illuminazione ai led (con un risparmio energetico dell'80%)

 

> GALLERIA FOTOGRAFICA

 

Si tratta di luminarie più numerose: rispetto alle 150 arcate dell'anno scorso, quest'anno saranno 200. A cui si aggiungono 4mila metri di illuminazione natalizie per i portici.

 

In particolare, oltre alla tradizionale stella cometa in piazza Saffi, sono stati realizzati due allestimenti per le luminarie: sfere in tre dimensioni e le illuminazioni circolari dell'anno scorso. 


Commenti (10)

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Direi che tutto è già stato detto. Una solo cosa, gli interventi di Annibale e di L'uomo qualunque fanno capire che esistono persone che pur non avendo votato per la giunta giudicano obiettivamente gli atti amministrativi della città. Mi sembra un buon auspicio, e spero che i politici del centro destra prendano esempio dai loro elettori.

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    Mi congratulo sinceramente con l'Assessore. Non e' da tutti.

  • Avatar anonimo di Alberto Bellini
    Alberto Bellini

    E' in corso un sondaggio informale per l'assegnazione di un incarico professionale di 18.000 � per la realizzazione di un progetto preliminare per il porta a porta, al fine di realizzare la tariffa puntuale e modalità di conferimento differenziate nel nostro territorio. Tale attività NON è legata in alcun modo alla programmazione dell'amministrazione per le iniziative natalizie. La cifra di 18.000 � era stata stanziata dalla precedente amministrazione sul capitolo di spesa del servizio ambiente. La programmazione dell'amministrazione per le iniziative natalizie comporterà un risparmio sulle quote previste nel bilancio preventivo. In particolare vi sarà un risparmio per le luminarie e per la realizzazione dell'albero. Le due operazioni, che erano previste nei capitoli di spesa del servizio illuminazione e del servizio verde, porteranno ad un risparmio complessivo di circa 18.000 �, cfr. Comunicato Stampa del 24/11/2009. L'idea dell'amministrazione è di accantonare questi avanzi di bilancio per sostenere il fondo per le misure straordinarie anti-crisi. Tale fondo è stato costituito ad ottobre con uno stanziamento iniziale di 150.000 �. Agli interventi relativi alle iniziative natalizie ne seguiranno altri, ispirati dagli stessi principi di sobrietà e risparmio e con le stesse finalità. Ringrazio tutti quelli che fanno commenti costruttivi perché aiutano ad orientare le nostre scelte nello spirito della democrazia partecipata.

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    Ma sapete quanto spreca il comune di forlì ogni anno in CONSULENZE INUTILI che spesso potrebbero essere espletate dagli stessi tecnici del comune ? altro che albero di natale.... Senza poi dire che la maggior parte degli impiegati comunali ne fa veramente poca, li vedi addirittura girare con le sportine della spesa in pieno orario di lavoro, ma chissà se il ministro BRUNETTA li ha messi un pò in riga....meno male che qualcuno di questo governo ha iniziato a chiamarli con il loro vero nome: "FANNULLONI"...

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Non credo arrivino a tal punto, se così fosse DIMISSIONI IMMEDIATE di BALZANI. Comunque possono girare la frittata come vogliono, spostare i soldi da questa o quella voce, ma pensano che siamo così stupidi??! PS. VOGLIAMO L'ALBERO!

  • Avatar anonimo di Beatrice
    Beatrice

    Non sono certissima che i 18.000 euro risparmiati andranno a beneficio dello stato sociale. Una fonte riservata dice che in Comune lo stesso assessorato sta preparando un incarico di consulenza per uno studio sul "porta a porta" del costo (guarda caso) di 18.000 euro. Ho intenzione di tenere d'occhio l'Albo pretorio, dove gli atti pubblici una volta perfezionati devono essere esposti per i cittadini.

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Io credo invece che se vanno avanti così, non saranno riconfermati. Se pensano di aiutare i disoccupati risparmiando su un albero di Natale... Anzichè rendere competitivoed attrattivo il tessuto economico, lo sminuiscono. Quanto al crocifisso, forse avete ragione, se però la cosiddetta componente cattolica che sostiene l'ateo Balzani e la giunta laicista avesse più a cuore il crocifisso piuttosto che le poltrone, sareste già in minoranza.

  • Avatar anonimo di fabrizio bazzocchi
    fabrizio bazzocchi

    L'opposizione è imbarazzante, crocefisso obblligatorio in comune, Forlì come il burundi dove regnano le deiezioni anche umane in piazza saffi, proposte assurde di fantomatici parchi divertimenti da millle ed una notte ed ora la polemica palesemente solo strumentale dell''alberone di natale invece dei 30 piccolini. Se in questo periodo di crisi queste sono le loro priorità, o abbiamo un opposizione idiota o è buon segno perchè vuol dire che la giunta sta facendo sufficientemente bene. Esempio? i 18000 euro risparmiati andranno a beneficio dello stato sociale per le famiglie in difficoltà, che sono sempre di più. Chi non conosce amici che hanno avuto problemi col lavoro? credo pochi fortunati. Quindi se si sbandierano tanto i valoti crisitiani come fondamento della nostra cultura, se esiste un minimo di coerenza in questo paese questa scelta che priva si di un'abitudine (che ha comunque aspetti discutibili) me va nel senso della solidarietà dovrebbe trovare il consenso anche dei cattolici. Altrimenti si entra nel tifo politico da calcio e non se esce più.

  • Avatar anonimo di L'uomo qualunque
    L'uomo qualunque

    Gabrin, hai proprio ragione!! Con un'opposizione che, in tempi come questi, si occupa, prioritariamente, di queste stupidaggini credo che governerete Forlì ancora per 50 anni. Sarebbe molto meglio pensare a chi perde il lavoro o a chi non ha la possibilità di arrivare a fine mese, senza avere alcun aiuto. E poi questa battaglia campale a difesa di simboli, che per molti "fedelissimi" sono solo vuoti simulacri, al massimo utili per la messa di mezzanotte a Natale, fa veramente sorridere. In ogni caso resto convinto che l'albero di Natale di Piazza Saffi sia, tradizionalmente, un simbolo della festa natalizia piacevole per tutti, compresi gli adulti e mi dispiacerebbe non vederlo, come al solito, al suo posto.

  • Avatar anonimo di Gabrin
    Gabrin

    Le grandi questioni mosse dalla destra forlivese: meglio un albero di natale grande o 30 alberini di natale piccoli? Quale dei due esprime meglio le radici cristiane del popolo forlivese (che in genere a messa ci va poco)? Questo è il dilemma!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -