Forlì, aeroporto. Il Comitato Ridolfi: "Da Regione strategia omicida"

Forlì, aeroporto. Il Comitato Ridolfi: "Da Regione strategia omicida"

Il Comitato dell'Aeroporto Ridolfi di Forlì interviene sul futuro dello scalo forlivese, sottolineando che "si sta delineando, da parte della Regione, una strategia omicida nei confronti dello Scalo forlivese". Al Comitato non piacciono i "tecnicismi ed il burocratese,  utilizzati per giustificare la mancata sottoscrizione dei contratti con le compagnie pronte a sostituire la Wind Jet". Termini che vengono definiti "una misera foglia di fico".

 

Una foglia di fico che "non riesce a nascondere il più ampio disegno monopolista di Bologna che vuole relegare il polo Aeronautico di Forlì all'ennesima succursale emiliana anziché elevarlo ad un punto di eccellenza romagnolo".

 

"Ci auguriamo che il Comune di Forlì, la Provincia di Forlì Cesena e la Camera di commercio di Forlì Cesena vogliano una volta tanto dare una dimostrazione di compattezza nel  difendere gli interessi  del territorio - sottolinea il Comitato - orientando le scelte della maggioranza dei Soci  verso una privatizzazione  e non verso una fusione alla cieca senza prospettive e senza strategie che significherebbe solo una morte dello  Scalo per lenta agonia".

 

"Ci auguriamo anche che i nostri timori, riguardo ad una strategia monopolistica di Bologna, non diventino un giudizio definitivo - dice il Comitato -. Confidiamo pertanto che in tempi brevi l'Assessore Peri dimostri che la Regione non ci ha preso in giro votando il bando di privatizzazione e che rimandi ogni velleità di fusione degli scali ad un secondo momento; non si comprendono infatti  certe decisioni schizofreniche che creano solo enorme confusione. Ci aspettiamo una risposta chiara e convincente che sgombri il campo da tentennamenti riguardo alla privatizzazione che per noi rimane l'unica strada percorribile in questo momento".

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -