Forlì, aeroporto. Rusticali: "Ryanair non è l'unica alternativa"

Forlì, aeroporto. Rusticali: "Ryanair non è l'unica alternativa"

Forlì, aeroporto. Rusticali: "Ryanair non è l'unica alternativa"

FORLI' - L'aeroporto "Ridolfi" di Forlì può farcela anche senza Ryanair. Lo sostiene Franco Rusticali, ex sindaco di Forlì e da qualche mese presidente di Seaf, la società pubblica che gestisce lo scalo forlivese. Dopo l'attacco dell'assessore comunale Elvio Galassi contro i soci bolognesi di Sab e la Regione, Rusticali smorza i toni e guarda con ottimismo al futuro. "La compagnia irlandese e' la nostra principale interlocutrice, ma non l'unica. Ci muoviamo anche con altri".

 

Tra gli altri operatori c'è sicuramenta la WindJet, che da Forlì gestisce già alcuni voli. Tuttavia la pista Ryanair, che avrebbe dovuto insediare la propria base operativa in Romagna, non è del tutto abbandonata; anzi, Rusticali è pronto a rilanciare la trattativa.

 

"Tra alcuni giorni andremo - annuncia l'ex primo cittadino - Londra, nella sede della Ryanair per ri-allacciare i rapporti interrotti, interruzione di cui non voglio riferire il motivo, ma che non c'entra con la base operativa".

 

A dare ottimismo a Rusticali sono anche i numeri sull'attività del ‘Ridolfi'. "Nel primo semestre siamo cresciuti del 24% rispetto all'anno scorso - rivela il presidente di Seaf -,siamo i terzi in Italia per crescita, e nel 2009 grazie a nuove rotte di Ryanair e Windjet arriveremo al milione di passeggeri".

 

Rusticali non appare intimorito neppure dalla concorrenza con Bologna, da cui in autunno partiranno alcuni voli low cost gestiti dalla compagnia irlandese. "Saranno due o tre rotte da ottobre, non in diretta concorrenza con quelle di Forli'. Non mi preoccupo, ormai la Ryanair parte da moltissimi aeroporti", dice Rusticali che aggiunge che quella di Forlì "Non sarebbe una base operativa".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La base operativa ci costerebbe, come Seaf, un milione di euro l'anno per aereo di base, in totale tre milioni all'anno". Se arrivera' a Forli' in futuro? "Andiamo a Londra anche a parlare di questo, ma il quadro e' profondamente cambiato da quando se ne discuteva l'anno scorso, col petrolio alle stelle e l'incognita dell'Alitalia, a cui tutte le compagnie stanno ora guardando".

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Marco
    Marco

    Non mi pare che Alitalia sia così strategica per Bologna e comunque Forlì può benissimo fare accordi anche con altre compagnie mantenendo anche una collaborazione con Ryanair come quella che c'è adesso.

  • Avatar anonimo di Federico
    Federico

    Se chiude Alitalia, allora Bologna farà carte false per portare a casa il più possibile Ryanair. Perderemo anche questa opportunità e sarà un disastro per l'indotto e le strutture attigue. Ma a questo non pensa nessuno.

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    finalmente qualcuno che dice finalmente come stanno le cose. scordiamoci la base, che a dir la verità per me è stato sempre un motivo di propaganda politico che una reale aspettativa per il nostro aeroporto. poi l marconi con l'alta velocità in fase di ultimazione capterà viaggiatori anche da milano e firenze. adesso speriamo di non perdere quelle 4-5 rotte che fanno capo alla compagnia irlandese.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -