Forlì: alimentazione, è tempo di frutta snack

Forlì: alimentazione, è tempo di frutta snack

FORLI' - Il progetto "Frutta Snack", coniato da un'intuizione di due assessori della Provincia di Forlì-Cesena, Gian Luca Bagnara (Politiche Agricole e Alimentari) e Margherita Collareta (Politiche per l'Istruzione e la Formazione) e gestito organizzativamente dall'esperienza della Centrale Osservatorio Agroambientale di Cesena, compie tre anni.  L'iniziativa, sostenuta dalla Regione Emilia-Romagna, ha come scopo quello di offrire un'opportunità di scelta più salutare per la merenda degli adolescenti ed ora anche degli adulti.

 

Il successo di "Frutta Snack" è innegabile ed è confortato dalle cifre snocciolate da Annalisa Brighi di Osservatorio Agroambientale. "I distributori di confezioni di frutta fresca sono ormai presenti in 15 istituti scolastici superiori di Forlì-Cesena e vantano quasi 11 mila giovani potenziali clienti. Se a questi aggiungiamo il migliaio di lavoratori di Enti pubblici di Forlì e Cesena (Provincia, Camera di Commercio, AUSL di Forlì, Centro di terapia occupazionale "La Nuova Famiglia" di Cesenatico), la cifra dei consumatori di frutta fresca "Fresh Break", tocca quota 12 mila".

 

Per dare impulso a questo nuovo modo di "fare lo spuntino", nel corso degli anni, si sono succedute diverse iniziative e campagne promozionali. "Tanto che il nostro progetto sta prendendo piede in altre realtà della nostra Regione e del nostro Paese", afferma Margherita Collareta.

 

"Per accrescere l'interesse della popolazione, quest'anno proponiamo una serie di 4 appuntamenti, dedicati sia ai giovani che agli adulti", annuncia Rosamaria Pavoncelli, del servizio provinciale Agricoltura.

 

Si comincia a Forlì martedì 6 maggio, presso la Sala Zambelli della Camera di Commercio, quando tra le 15.00 e le 17.30  va in scena un incontro, rivolto ai lavoratori degli enti pubblici, ma aperto alla cittadinanza intera, dal titolo "Salute, frutta, verdura...per saperne di più". Oltre agli interventi dell'assessore provinciale Gian Luca Bagnara e della responsabile del progetto regionale, Rossana Mari, sono attesi i contributi scientifici di esperti come Tiziana Nasolini della Centrale Sperimentazioni e Servizi Agroambientali, di Alessandro Bordoni, docente del dipartimento di Biochimica dell'Università di Bologna, di Franco Caroli, medico adolescentologo e di Claudia Cortesi, medico del SIAN dell'Ausl di Forlì. Al termine dell'incontro sarà offerto un fresco aperitivo.

 

Il programma proseguirà, sempre a Forlì, mercoledì 7 maggio, dalle 16.00 alle 18.00, presso il Bar Giardini Orselli, attiguo alla Piazza Cavour, con un "Aperitivo animato" dedicato a studenti e docenti.

Il "fruit show" sarà condotto dal noto animatore Daniele De Leo, mentre due "ice barman" professioniste, Francesca e Joanna daranno un saggio di come si preparano tre aperitivi analcolici a base di frutta fresca, con degustazioni gratuite.

 

Lo stesso programma sarà replicato giovedì 8 maggio, dalle 17.00 alle 19.00, a Cesena, presso il Bar45 nei Giardini Savelli. Anche in questo caso il pomeriggio sarà condotto da Daniele De Leo, mentre gli aperitivi saranno preparati dai barman dello staff del Bar45.

 

Per finire, l'ultimo appuntamento della serie è in programma venerdì 9 maggio, tra le 18.00 e le 19.30, presso il Centro "la nuova famiglia" di Cesenatico (Viale Cesenatico, 60), dove la dietista Marina Montorsi terrà una lezione teorico-pratica con preparazione di ricette a base di frutta e verdura.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La nostra idea di "Frutta Snack" - tiene a precisare l'assessore Gian Luca Bagnara - all'inizio ebbe un'accoglienza piuttosto fredda da parte del mondo agricolo; ora invece anche i produttori di frutta e verdura si sono resi conto che anche in questa veste il prodotto tira, è un'iniziativa made in Italy che sta muovendo tutta la filiera agroalimentare e soprattutto, <crea salute>, contribuendo a combattere la piaga delle malattie sociali,  poiché è accertato che non si deve rinunciare ad un buon salume, a patto che a questo alimento se ne abbini un altro come la frutta e la verdura che, appunto, sono ricche di antiossidanti".  

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -