Forlì: alla Fiera torna 'Babilonia', tra antiquariato e modernariato

Forlì: alla Fiera torna 'Babilonia', tra antiquariato e modernariato

FORLI’ – Edizione numero sedici per Babilonia, la rassegna di antiquariato e modernariato, appuntamento fisso per collezionisti e appassionati. Il “mercato brocante d’inverno” torna come ogni anno alla Fiera di Forlì, con apertura al pubblico da venerdì 9 a domenica 11 febbraio 2007 e una giornata riservata agli operatori del settore giovedì 8 febbraio. Il taglio del nastro si terrà venerdì 9 alle 17.30 alla presenza del presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, Piergiuseppe Dolcini.


Curiosando tra i circa 160 espositori provenienti da tutta la penisola si può trovare di tutto: dal mobile di alta epoca al dipinto dell'800, dalla cornice antica ai vecchi arredi di inizio '900, con un'offerta estremamente varia ed eterogenea che comprende i sempre più numerosi collezionismi tradizionali ed emergenti.

Abbigliamento vintage, vecchi bauli Vuitton e Gucci, borse firmate Chanel e Hermesse di grande prestigio. E poi arredamento americano anni 50’, bigiotteria anni ‘20 e ‘30. Sono alcune delle proposte della XVI edizione della rassegna antiquaria di Forlì, appuntamento che si è sempre più consolidato negli anni.

La fiera si rivolge ad un pubblico di intenditori, ma anche di appassionati e di semplici curiosi che si vogliano lasciar sedurre dall’offerta, andando alla ricerca di quella miriade di piccoli oggetti e curiosità che fanno la gioia dei collezionisti: ceramiche, vetri, attrezzi da cucina, vecchie pipe, grammofoni e dischi, argenti, gioielli, bigiotterie d'epoca, stampe, dipinti, tappeti e vecchie rigatterie, con un’infinita possibilità di trovare l’oggetto dei propri desideri.




In fiera una singolare collezione di fisarmoniche e antiche arpe.
L’edizione 2007 di Babilonia dedica uno spazio alla musica, proponendo una mostra di antiche fisarmoniche e altri strumenti d’epoca datati dal 1861 in avanti. L’esposizione raccoglie una trentina di esemplari di fisarmoniche di proprietà di Edo Lelli, musicista e scultore con l’hobby della fisarmonica, e di Walter Merendi di Dovadola, altro appassionato collezionista di questi antichi strumenti.
Tra i pezzi di maggior pregio una piatanese, una Paolo Soprani, che verrà suonata dal giovane nipote dello scomparso musicista di Terra del Sole Luciano Piazza, in arte “Silin”, e poi un organetto diatonico del 1861, una scardella, una Hohner, oltre ad una caratteristica clavietta. Alle fisarmoniche si affiancano una serie di arpe antiche collezionate dai coniugi Stefano Valbonesi e Regine Kohne, di Cusercoli. All’interno di questo spazio dedicato alla musica sarà inoltre possibile partecipare al laboratorio sulla costruzione di violoncelli e antichi flauti, aperto a tutti, tenuto dal liutaio di Dovadola Foscolo Lombardi.

La mostra sopra indicata è stata realizzata con la collaborazione del Sig. Lino Samorì di Castrocaro Terme.


Le sculture di Vittorio Pelati e le opere dell’Associazione Amici dell’arte
L’arte è protagonista di due mostre collaterali. La prima è dedicata a Vittorio Pelati, scultore di origini bresciane scomparso nel 1995, di cui la Fondazione Benedetta Bianchi Porri di Dovadola mette a disposizione venticinque opere di grande pregio. “Maternità tragica”, “Mistero della vita”, “Cristo”, “Esaltazione” alcune delle opere attraverso le quali l’artista riflette sulle vicende umane, tra slanci di speranza e abbandono al dolore, ma sempre accompagnato dalla fede.

La seconda mostra collaterale è a cura dell’Associazione Amici dell’Arte di Forlimpopoli che propone una selezione di circa quaranta opere, divise tra quadri con paesaggi, fiori e altri temi, diversi mosaici, alcuni dei quali realizzati con conchiglie, e sculture in legno a sfondo religioso o con forme animali. L’Associazione, attiva da dieci anni, riunisce hobbisti e appassionati d’arte e organizza corsi di disegno e pittura.


Orari di apertura al pubblico: venerdì 9 e sabato 10 febbraio dalle 10 alle 20, domenica 11 dalle 10 alle 19.

Giovedì 8 febbraio apertura riservata agli addetti ai lavori dalle 8 alle 18.
Costo del biglietto:
10 euro, ridotto 5 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per informazioni: Fiera Forlì Spa, telefono: 0543-793511;
staff@fieraforli.it; www.fieraforli.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -