Forlì, amore tra donne finisce a suon di botte. Nei guai una giovane

Forlì, amore tra donne finisce a suon di botte. Nei guai una giovane

Il dirigente della Squadra Mobile, Claudio Cagnini-5

FORLI' - L'amava così tanto a tal punto da trasformare la gelosia in violenza. Una giovane romena di 27 anni, residente a Forlì, è stata colpita da un'ordinanza di custodia cautelare coercitiva di allontanamento dalla casa familiare per maltrattamenti ai danni della convivente, una giovane studentessa forlivese di 28 anni. Il provvedimento, firmato dal gip Rita Chierici su richiesta del pm Marco Forte, è stato eseguito al termine di un'indagine della Squadra Mobile.

 

L'attività investigativa, condotta dalla sezione Reati Sessuali, è iniziata la scorso marzo dopo la querela fatta a malincuore della 28enne. La scintilla tra le due ragazze è scoccata nell'ottobre del 2008 in un bar dove la studentessa lavorava part-time per pagarsi gli studi. Sedute attorno ad un tavolo davanti ad una bevanda, la romena ha confidato alla neo-amica di aver rotto con il marito dopo una convivenza fatta di litigi e maltrattamenti.

 

La 28enne si è commossa a tal punto da ospitarla nell'appartamento che divideva con il compagno. L'amicizia si è presto trasformata in una relazione intima che le ha portate ad una convivenza di fatto. Dopo aver lasciato il fidanzato, la studentessa forlivese ha scelto definitivamente di dare un taglio al passato, iniziando una nuova vita con la romena in un appartamento in zona Ronco. Per rendere più leggero l'affitto hanno deciso di affittare una camera un ragazzo.

 

La relazione si è presto inclinata. La straniera, gelosa e possessiva, ha cominciato a rendere un inferno la vita della compagna, impedendole di uscire da sola e persino di frequentare gli ultimi due corsi universitari che la separavano dalla laurea se non le era al suo fianco. A mandare a rotoli il rapporto anche le violenze che la forlivese doveva subire. Veniva infatti picchiata dalla compagna con tecniche che la straniera stessa diceva di aver appreso in campi militari in Romania.

 

Con il cuore a pezzi, la studentessa ha sporto denuncia in lacrime in Questura. Ad avvallorare la querela anche le testimonianze dell'ex e del coinquilino. Quindi è stata accompagnata al pronto soccorso, dove i medici le hanno riscontrato traumi e lividi guaribili in otto giorni. Tornata a casa dai genitori, la studentessa ha avuto a che fare con un lungo corteggiamento da parte dell'ormai ex, ancora invaghita. Lunghe lettere d'amore di scuse e di un futuro roseo. Una sera la 27enne è arrivata persino ad attirare l'attenzione del suo amore, lanciando sassi contro la finestra.

 

E' stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Dopo quest'ultimo episodio è stata richiesta ed ottenuta una misura di allontanamento dalla casa familiare così come stabilito dall'articolo 282 bis del codice penale. Un provvedimento che obbliga la romena a star lontano dall'ex compagna anche dai luoghi di frequentazione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -