Forlì: ancora una missione al villaggio dei bimbi tibetani del Ladakh

Forlì: ancora una missione al villaggio dei bimbi tibetani del Ladakh

FORLI' - Sono passati 50 anni dall'invasione cinese del Tibet, uno stato sovrano, e dall'esilio della sua Guida spirituale il 14° Dalai Lama. All'arrivo in India il Dalai Lama decise di costituire delle scuole , i TCV, nelle quali insegnare ai bimbi profughi, che ancora oggi continuano ad arrivare attraverso l'Himalaya, d'inverno, per sfuggire ai controlli dei cinesi, la cultura, la lingua, la religione del loro popolo, per mantenerne viva l'identità e la tradizione.

 

I TCV , retti dalla sorella del Dalai Lama Jetsun Pema, sopravvivono ed operano grazie al contenuto di "sponsor" occidentali che assicurano la copertura delle spese per uno o più bambini ospitati nei TCV. 

 

Ad oggi sono 156 i bambini orfani o figli di profughi tibetani sostenuti dalla Associazione Italian Amala Onlus di cui fanno parte anche Sauro Turroni e sua moglie Catia e altri forlivesi..

I bambini sostenuti a distanza sono tutti ospitati nel Tibetan Children's Village di Choglamsar - Leh - Ladakh  (mt. 3500 slm) - e nelle piccole scuole satellite (tra i 4000 e 4600 mt slm)

Una parte di loro è sostenuta da cittadini forlivesi e romagnoli.

 

Il progetto più rilevante , appena presentato il 31 agosto 09 alla "fabbrica del sorriso" per ottenere una parte dei finanziamenti necessari, riguarda l'acqua, la cui captazione e distribuzione, insieme con un efficiente sistema di smaltimento delle acque reflue, è un problema che l'associazione intende risolvere adeguatamente.

 

Il progetto è interamente opera di volontari romagnoli.

 

Fra l'altro occorre notare come dal territorio della provincia di Forlì-Cesena sia venuto il più rilevante e concreto contributo per la definizione del progetto : prima una missione compiuta nel 2008 insieme con i geologi Bonaga dell'università di Bologna e Mancini della Drillmec spa, per individuare le modalità di approvvigionamento dell'acqua, i problemi del sito e le possibili fonti energetiche, poi una missione compiuta dai forlivesi Fausto Pardolesi e Duilio Gregori per effettuare il rilievo e la cartografia del villaggio e l'analisi chimico - fisico - batteriologica dell'acqua prelevata in sito, infine la realizzazione di uno studio di fattibilità e uno schema progettuale di massima redatto da tutti i tecnici sopracitati e dall'ing. Beppe Farina di Rimini.

 

Con la attuale missione Sauro Turroni con Giancarlo Morandi, ha montato una centralina meteo al villaggio che consentirà di raccogliere tutti i dati meteo, compresi temperatura, precipitazioni, presenza,  costanza e intensità del vento per un corretto dimensionamento del progetto esecutivo ed in particolare la possibilità di istallare minipale eoliche per il pompaggio dell'acqua.

.

E' la prima volta che nella capitale ladakha si raccolgono dati simili ( al di fuori di quelli in possesso all'esercito indiano , non disponibili ) e verranno messi a disposizione anche del locale Dipartimento Ambientale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -