Forlì, "andare a tavola, con trasporto"

Forlì, "andare a tavola, con trasporto"

Forlì, "andare a tavola, con trasporto"

FORLI' - "Andare a tavola, con trasporto". L'iniziativa, promossa da AVM Spa (Area vasta mobilità Forlì - Cesena) e Slow Food Forlì, con il contributo della Cassa dei risparmi di Forlì e Romagna, ha come obiettivo quello di promuovere il trasporto pubblico extraurbano nella fascia oraria serale come ottima alternativa a quello privato. Un esperimento che vuole evidenziare i privilegi del suo utilizzo in situazioni conviviali come una cena: la sicurezza dei partecipanti, che potranno godersi le serate senza porsi il problema del ritorno a casa (da qui la collaborazione con ASAPS, "Associazione sostenitori amici polizia stradale"); i problemi di parcheggio; il basso impatto ambientale e l'economicità del trasporto.


Inoltre l'iniziativa vuole anche promuovere non tanto locali e ristoranti del nostro territorio, quanto invece prodotti e piatti della nostra terra e tradizione. Verranno infatti realizzati menu specifici, dando grande rilievo ai presidi Slow Food del nostro territorio, attraverso l'utilizzo delle  materie prime per la realizzazione delle pietanze.


Tre saranno le serate, che si svolgeranno nel mese di novembre 2010, in 3 ristoranti e osterie tra quelle presenti nella guida Slow Food.


I locali sono L'Aldiquà di Forlimpopoli, La Campanara di Pianetto di Santa Sofia, e il Gambero Rosso di Bagno di Romagna.


Oltre alla cena, ci sarà un piccolo evento/concerto a cura di "Gruppo da camera Caronte", che già ha sperimentato con successo eventi analoghi in Trentino Alto Adige e Val d Aosta.


Un modo diverso di vivere il territorio

La filosofia di AVM evolve. Si vuole porre sul territorio in maniera moderna ed innovativa, proponendo nuovi servizi per l'utenza. Nella strategia aziendale, l'iniziativa Adagio con Gusto è un tentativo importante per proporre in futuro nuovi itinerari in orari che fino ad oggi non sono mai stati di competenza del trasporto pubblico. Sulla base dei risultati ottenuti, è possibile ipotizzare, l'anno prossimo, un programma più ricco e replicato in stagioni diverse. Il fatto poi di avere come partner una associazione come Slow Food, che da sempre ha tra le sue priorità un approccio sostenibile al territorio, cercando di salvaguardarne le biodiversità alimentari e non solo, è prova concreta che si vuole dare un segnale forte ai cittadini. Il territorio va vissuto in maniera diversa: cercare di avere il minimo impatto ambientale nel muoversi al suo interno, e allo stesso tempo fare conoscere la ricchezza della sua biodiversità, dal punto di vista paesaggistico, agricolo e alimentare.


Slow Food

L'associazione Slow Food con gli anni ha ottenuto grandissimi risultati nella salvaguardia delle eccellenze agroalimentari, salvando di fatto, con quegli strumenti che sono il Presidio Slow Food e le Comunità del Cibo, prodotti e coltivazioni che diversamente sarebbero scomparsi dal pianeta e dalle nostre tavole.
Grazie a questi successi sta imponendosi come referente di importanza strategica per governi e istituzioni.
Si può,Infatti, affermare, senza essere smentiti, che alcuni dei protocolli alimentari in vigore in Italia e in Europa non esisterebbero senza il contributo importante di Slow Food.

L' iniziativa ha avuto il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Provincia di Forlì-Cesena, APT Emilia- Romagna

Per informazioni:

Tutte le informazioni saranno disponibili anche sul sito www.adagiocongusto.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -