Forlì, anziane nel mirino dei truffatori. Ma i Carabinieri sventano il raggiro

Forlì, anziane nel mirino dei truffatori. Ma i Carabinieri sventano il raggiro

Il capitano dei Carabinieri Fabrizio Fratoni

FORLI' - Prima il complice telefonava alla signora fingendosi il nipote bisognoso di denaro. Poi lui si presentava, nelle vesti di "notaio", per riscuotere la somma. Un nomade di 22 anni, residente in un campo rom a Novara, ma di fatto senza fissa dimora, è stato arrestato nei giorni scorsi con l'accusa di truffa aggravata. Processato per direttissima, è stato condannato a 15 mesi. Ma ora non è in carcere poiché il giudice ha disposto l'obbligo di dimora dove risiede.

 

A chiamare la vittima al telefono è stato il complice del 22enne, ancora latitante, direttamente dall'Est Europa. Con un perfetto italiano, il truffatore si è spacciato per un familiare dell'anziana, dicendo di aver immediato bisogno di contanti per concludere un affare urgente relativo all'acquisto all'asta di una casa. Una serie martellante di telefonate ha convinto la donna a recarsi in banca per prelevare dal conto corrente una consistente somma di denaro, 4mila euro.

 

Dopodichè l'ha incaricata di raggiungere Corso Mazzini dove avrebbe trovata ad attenderla un giovane notaio. L'appuntamento era nei pressi del comando dei Carabinieri. Il 22enne, dopo aver visto alcuni militari uscire dal comando, ha però invitato la signora a consegnare il denaro ad un tassista, risultato totalmente estraneo alla vicenda. Gli uomini dell'Arma hanno subito fermato il taxi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il conducente ha confermato che era stato incaricato da un ragazzo a prendere una busta da una donna e di consegnarla in viale Vittorio Veneto. La vittima ha ammesso ai militari che quella cifra era destinata al nipote. Per gli uomini dell'Arma è bastato sostituire nella busta i soldi con foglietti bianchi e presentarsi all'appuntamento fissato tra il nomade e il tassista per incastrare il 22enne. Il giovane ha cercato di dileguarsi, ma è stato bloccato dopo una colluttazione. L'operazione è stata seguita dal pm Filippo Santangelo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -