Forlì, Bach per il primo concerto della Maderna al Fabbri

Forlì, Bach per il primo concerto della Maderna al Fabbri

Forlì, Bach per il primo concerto della Maderna al Fabbri

FORLI' - Dopo il successo dell'esibizione di Terni al fianco di artisti di fama internazionale in occasione del Concerto di San Valentino di Domenica 13, la Bruno Maderna torna a Forlì con il suo primo appuntamento ad altissimo livello nella stagione concertistica 2011 del Teatro Fabbri. L'appuntamento con i professionisti dell'Orchestra sinfonica è previsto per martedì 22 febbraio alle 21. Porteranno in scena la trascrizione per orchestra da camera delle "Variazioni Goldberg" di Johann Sebastian Bach.

 

Uno dei capolavori assoluti del compositore nell'ambito della musica per strumenti a tastiera, sia dal punto di vista tecnico-esecutivo che per lo stile e la complessità strutturale della composizione. Il concerto è diretto da Paolo Chiavacci per un appuntamento di grande Classica tipico delle esibizioni della Maderna.

 

Le 32 Variazioni Goldberg per clavicembalo sono un'opera composta da Johann Sebastian Bach tra il 1741 e il 1745 per Johann Gottlieb Goldberg. La leggenda vuole che Goldberg commissionasse al musicista quest'opera per alleviare le notti insonni del signore presso cui lavorava, e che per il lavoro svolto Bach fosse stato ricompensato con "cento Luigi d'oro in una coppa, d'oro anch'essa", come scriveva Johann Nikolaus Forkel, il primo biografo di Bach. Gli studiosi hanno poi dimostrato l'infondatezza di tale leggenda. All'epoca Goldberg era infatti un ragazzo di quattordici anni che, per quanto dotato di grande tecnica come scrivevano i suoi contemporanei, è altamente improbabile che possedesse la maestria necessaria per suonare un'opera tanto complessa e sofisticata.

 

Paolo Chiavacci si é diplomato nel 1984 al Conservatorio "L. Cherubini" di Firenze con il massimo dei voti. E' stato allievo del Quartetto di Tokyo all'Università di Yale (Usa) e del Quartetto Borodin. E' membro fondatore del Quartetto Foné con cui ha vinto nel 1989 il primo premio al Concorso internazionale "G.B.Viotti" di Vercelli e, nel '91, è secondo al Concorso internazionale per quartetto d'archi "D. Shostakovich" a San Pietroburgo; ha tenuto concerti per le maggiori istituzioni concertistiche in Italia (fra le altre La Scala di Milano, S. Cecilia a Roma, La Fenice di Venezia, Amici della Musica di Firenze, A. Scarlatti di Napoli) ed internazionali. Insegna musica da camera al Conservatorio "B. Maderna" di Cesena e tiene inoltre corsi di perfezionamento di violino a Vinci (Firenze) e, per l'Accademia Musicale Umbra, a Perugia.

 

L'orchestra B. Maderna si è costituita nel 1997 a Forlì. Il progetto, risponde alle richieste culturali delle province circostanti di Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini. L'obiettivo era ed è quello di formare un'orchestra con uno spirito diverso, con una grande partecipazione dei componenti, autogestita, dinamica, giovane e brillante. Dal 2008 Daniele Giorgi è direttore principale e responsabile musicale dell'Orchestra. Fondamentali le collaborazioni con Ravenna Festival; nel luglio 2003 la Maderna è stata invitata a partecipare al concerto conclusivo del Ravenna Festival tenutosi a Ravenna e al Cairo ai piedi delle Piramidi, diretto dal M° Riccardo Muti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -