Forlì: Balzani anticipa: "Parcheggio per il centro in via dei Gerolimini"

Forlì: Balzani anticipa: "Parcheggio per il centro in via dei Gerolimini"

Roberto Balzani al teatro "Diego Fabbri"

FORLI' - Lunedì sera il sindaco Roberto Balzani si è presentato alla città dopo i primi 5 mesi di lavoro al teatro Diego Fabbri. Balzani ha illustrato le diverse questioni che sono in cima alle priorità della giunta, anticipandole nel pomeriggio alla stampa. Per Balzani ci sono rischi per l'insediamento dell'università a Forlì col progetto di riforma Gelmini. Per quanto riguarda il centro, si progetta un parcheggio multipiano in via dei Gerolimini, anziché la realizzazione degli alloggi pubblici previsti.

 

> LE FOTO DELLA SERATA AL "DIEGO FABBRI"

  

Balzani ha parlato di fronte ad una platea di circa 700 persone, aprendo la serata con un ricordo rivolto a Perla Rubboli e Giorgia Gagliardi, le due ragazze la cui vita è stata stroncata nella notte tra sabato e domenica in un incidente stradale sulla ‘Cervese', osservando assieme a tutto il pubblico presente un minuto di silenzio. Quindi ha avviato al sua illustrazione partendo ad un'analisi della situazione attuale della città (fotografia demografica, analisi della situazione di bilancio e della struttura della macchina comunale) affrontando poi per pillole le varie questioni al centro del dibattito cittadino.

  

Rischi nel futuro dell'università

Spiega Balzani: "Siamo di fronte ad un progetto di riforma che rischia di mettere in forse il decentramento universitario, a vent'anni dalla grande intuizione del senatore Leonardo Melandri (l'insediamento dell'ateneo decentrato, ndr) presto ci troveremo a decidere su qualcosa di pari intensità e importanza". Mentre si progetta il contenitore del ‘campus', infatti, Balzani ricorda il rischio di ritrovarsi con un ‘contenuto' depotenziato.

 

Balzani non affonda il progetto di riforma dell'università targato Gelmini: "E' una chance, perché sblocca la cancrena della baronie: questo progetto di riforma andrà avanti perché è serio e va verso le dinamiche internazionali". Per questo, per il sindaco, "fare le barricate non ha senso". Ma i poli decentrati rischiano notevolmente: nel nuovo progetto il ruolo strategico sarà giocato dai dipartimenti di ricerca e non dalle facoltà, "e noi in Romagna non ne abbiamo, tranne la scuola di interpreti e traduttori di Forlì".

 

Il rischio è quindi che nelle città romagnole "rimangano solo strutture periferiche per la didattica". Dice Balzani. Aule per le lezioni, o poco più. "Noi invece, abbiamo bisogno di docenti che stiano qua", continua il sindaco. "Dovremo fare una trattativa con l'ateneo, che non sarà facile- continua Balzani-, dovremo presentarci con un progetto che proponga, in cambio, soluzioni per i problemi dell'università". Il sindaco vedrebbe bene, per Forlì e Cesena, "uno o due dipartimenti, per esempio di ingegneria".

 

Parcheggio per il centro in via dei Gerolimini: da fare subito.

L'anno che verrà sarà quello delle sperimentazioni e dei "piccoli passi", come li definisce, nel centro storico. Roberto Balzani fissa scadenze per il 2010 per una serie di interventi. Primo tra i quali c'è la ‘Cabina di regia per gli eventi'. Il modello che sarà attuato, spiega il primo cittadino, sarà il ‘modello Modena', "che siamo andati a studiare", dice. "Si tratta di una struttura gestita dalle associazioni di categoria, che ha in mano la progettazione prevalente degli eventi in centro- spiega Balzani-. Se le associazioni mettono da parte la conflittualità, noi ci mettiamo i soldi".

 

In via dei Gerolimini, a un passo dal mercato coperto ("dove sarà tolta quella brutta tettoia che copre le statue e gli stucchi, spiega il sindaco), potrebbe sorgere un nuovo parcheggio multipiano. La giunta Balzani, infatti, ha bocciato definitivamente il progetto di sopraelevare il parcheggio Montegrappa, "che sarebbe stato estremamente costoso per via del sito archeologico che vi è sotto, senza contare che il cantiere avrebbe avuto tempi non prevedibili".

 

Invece, dice Balzani, il parcheggio deve arrivare subito: "Dovrà essere pronto in poco tempo e non tra anni e anni". Questo parcheggio, precisa ancora il primo cittadino, "dovrà essere a basso costo, magari circondato dal verde". Con l'arrivo del parcheggio, per tutta l'area del centro compresa tra via dei Mille, il mercato coperto e corso Mazzini , una delle più degradate, si tenteranno poi sperimentazioni di chiusura delle strade "con riprogettazione degli spazi, a basso costo". In ogni caso, sarà una "condivisione coi cittadini, con focus su quartieri per verificare se le chiusure funzionano", spiega.

 

 

Porta a porta. Si parte a settembre 2010

La raccolta dei rifiuti ‘porta a porta' si farà, in modo generalizzato in tutta la città, probabilmente con una modalità di cerchi concentrici, dalla campagna via via verso il centro storico, come è stato fatto a Reggio Emilia. "Ci sarà una fase di sei mesi di preparazione dei cittadini per la prima parte del 2010, sarà anche un poderoso strumento di coesione sociale: i cittadini avranno la sensazione di fare qualcosa per la comunità, l'iniziativa avrà un significato civico forte".

 

Ma Hera, che non ama questo tipo di smaltimento, non creerà dei problemi? "Si andrà ad una contrattazione", spiega Balzani. Sottolineando, però, che il coltello dalla parte del manico ce l'ha il Comune, una volta tanto: "Nel 2011 scadrà il contratto con Hera per il gas, le reti sono le nostre, si può anche decidere chi chiamare per la gara escludendo chi ha contenziosi..." Il riferimento è al contenzioso tra Hera e Unica Reti sui lavori per le fognature.

 

Infine, sulla raccolta dei rifiuti, il Comune di Forlì accetta il principio di perequazione tra comuni capoluogo e piccoli municipi sulla tariffa dei rifiuti, ma subordinandola non solo al numero degli abitanti, ma ad obiettivi di raccolta differenziata, "con ognuno libero di perseguirla come meglio crede": così, per Balzani, "Forlì si guadagna la qualifica di capoluogo, non ci interessa la retorica".


Commenti (10)

  • Avatar anonimo di cage69
    cage69

    però la masini non faceva abbastanza MAI. chissà perchè...adesso siete disposti ad attendere anche 2 legislature per una pista ciclabile.

  • Avatar anonimo di alexgreco
    alexgreco

    le critiche costruttive dovrebbero essere sempre prese in considerazione... ma ciò che registro è sempre quel "dare addosso" a qualsiasi costo! Non sono il portavoce del sindaco, ma da attento cittadino proverò a dire la mia... quanto ha riportato ieri sera Balzani mette in evidenza che la realizzazione di un progetto di raccolta rifiuti porta a porta, e peraltro "puntuale", richiede tempi di realizzazione non certo immediati. Le complessità non sono poche, e pertanto è stato da lui detto che il periodo tra marzo e settembre 2010 sarà necessario per "educare" i cittadini all'abitudine della differenziazione dei rifiuti, che ciascuno dovrà fare in casa propria, e che rappresenta lo zoccolo più duro, in quanto si sa che cambiare una propria abitudine è sempre poco agevole.... al punto che uno dei modi per favorire questo cambio d'abitudine potrà avvenire grazie ai bambini ed ai giovani attraverso la scuola. Infatti, mi sembra d'aver compreso, che laddove in una famiglia ci siano dei bambini, il cambio d'abitudine potrà essere più agevole in quanto, grazie all'insegnamento ed alla conoscenza del tema RIFIUTI che sarà sviluppato a scuola, i bambini promuoveranno in casa questa nuova metodica di raccolta. Nelle famiglie meno giovani e con anziani il passaggio sarà più faticoso.. e tutto richiederà comunque mesi...e le esperienze vissute in altre città evitaranno di fare errori di impostazione. Consideriamo che la raccolta sarà "puntuale"; vorrà dire che pagheremo ciascuno per il quantitativo di indifferenziata che conferiremo... cosa di non poco conto, infatti nessuno si accollerà costi per rifiuti non prodotti. Un commento personale che va oltre i rifiuti, è che in 55 anni non ho trovato alcun amministratore che coinvolge e mette al corrente la cittadinanza delle cose che si stanno per realizzare, dimostrando che in tutto ciò che si appresta a fare c'è molta farina del suo sacco e poche imposizionii politiche. Vediamo ciò che sarà realizzato e poi critichiamo!!

  • Avatar anonimo di Michelangelo Merisi
    Michelangelo Merisi

    Neanch'io voglio giudicare Balzani, ma più che vederlo all'Opera mi piacerebbe che facesse qualcosa....poi naturalmente sarei felice di incontrarlo, oltre che all'Opera, anche a teatro, al cinematografo, alla Fiera della madonna del Fuoco!

  • Avatar anonimo di Homer
    Homer

    @luigi filippo Bisognerebbe conoscere le dinamiche della pubblica amministrazione per esprimere pareri concreti. Altrimenti si fa della semplice demagogia. Pensare che un amministratore che vuole realizzare qualcosa lo possa fare in qualche mese denota che poco si conosce della situazione del nostro paese. Per il primo anno, forse due, si inaugurano e si portano a compimento le cose decise da chi ha preceduto, poi si vede il cambio di passo (sempre che ci sia). Io non voglio giudicare Balzani, magari sarà peggio della Masini, però aspettiamo di vederlo all'opera. Altrimenti si parla di niente. Se poi vuoi sostenere che è una vergogna decidere una cosa e vederla realizzata non prima di due anni, direi che siamo tutti d'accordo.

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    «Su ciò, di cui non si può parlare, si deve tacere.» L. Wittgenstein.

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    Stiamo parlando del nulla perchè ad oggi balzani non ha fatto nulla... questa è l'unica realtà sotto gli occhi di tutti finora...

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Anch'io non ho trovato da nessuna parte Balzani indicare settembre 2009 come data per il porta-a-porta, ne' l'intenzione di voler chiudere il parcheggio di piazza Cavour. Se vogliamo parlare di fatti va bene, ma attribuire ad altri frasi non dette non mi trova d'accordo.

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    Esatto credo che sia proprio quello il link...ha detto che il porta a porta partiva fin da subito e che avrebbe rivitalizzato il centro storico già da subito... ora si parla già di settembre 2010 e per il centro storico a parte la chiusura settimanale della auto del giovedì non mi sembra che la situazione sia tanto rivitalizzata... temo fortemente che rimpiangeremo la Masini e se penso che ha vinto per un pugno di voti in più......

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    @Luigi: puoi indicarmi il link ad un articolo in cui balzani dice che avrebbe fatto partire il porta a porta a settembre 2009? Io ho trovato solo questo: https://www.romagnaoggi.it/elezioni2009/2009/6/23/128123/ in cui dice che si farà "presto". La mia non è una provocazione, voglio solo capire veramente se Balzani ha recentemente sparato delle date oppure no.

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    Quindi dopo 5 mesi non ha fatto nulla: il porta a porta aveva detto che si partiva a settembre 2009 ora dice a settmbre 2010, il parcheggio di via gerolimini da fare subito...sì proprio subito...dovrebbe dire pure che vorrebbe chiudere quello già esistente in piazza cavour facendo una grande isola pedonale...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -