Forlì: Bartolini (An), "emergenza fiumi forlivesi, urge intervenire"

Forlì: Bartolini (An), "emergenza fiumi forlivesi, urge intervenire"

FORLI' - Luca Bartolini (an-pdl) in un'interrogazione denuncia "lo stato di avanzata agonia in cui versano quasi tutti i fiumi forlivesi" e chiede alla Giunta regionale quali urgenti iniziative intenda assumere per affrontare la situazione ed "eliminare i danni all'ambiente, alla fauna ittica e soprattutto per prevenire seri danni alla salute pubblica". 


Il consigliere riferisce in proposito che nel fiume Montone nei giorni scorsi si sarebbe verificata "una totale moria di pesci nel tratto tra i comuni di Rocca San Casciano e Dovadola". Quanto al Bidente e al Rabbi, che approvvigionano entrambi l'invaso di Ridracoli, il primo - sostiene Bartolini - "appare ridotto ad una fogna a cielo aperto principalmente a causa del malfunzionamento del depuratore di S.Sofia da troppo tempo oggetto di un infinito legale tra il Comune e Hera", mentre il secondo "apapre oramai ridotto ad un piccolo torrente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Nel sottolineare "l'alto rischio igienico sanitario" rappresentato dalle condizioni dei fiumi in questione, le cui acque sarebbero utilizzate anche per irrigare i campi agricoli e gli orti che si trovano lungo il loro tracciato, l'esponente di an-pdl chiede dunque all'esecutivo regionale se non ritenga opportuno installare stazioni di monitoraggio permanente "al fine di prevenire altri disastri ambientali non consoni con gli obiettivi di salvaguardia più volte a vuoto annunciati da questa Regione". 

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Perbacco, chiedo venia: non lo sapevo proprio della galleria di gronda. Per scrupolo avevo anche guardato sul sito della diga ma non avevo trovato nessun riferimento al Rabbi, pensavo che non c'entrasse nulla. L'inquinamento dei fiumi, che e' innegabile, e' comunque *a valle* della diga, da S. Sofia in giu', per il Bidente, e direi all'incirca da Predappio in giu' per il Rabbi (credo che a Tontola ci sia ancora la spiaggia balneabile sul fiume). L'acqua che arriva all''invaso della diga non e' particolarmente inquinata (per fortuna). Per migliorare la situazione dei fiumi bisognerebbe ridurre gli scarichi delle numerose industrie presenti lungo il loro corso, ma temo che la cosa sia piu' semplice da dire che da fare. :(

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    Veramente matteol la diga di Ridracoli si approvvigiona anche dalle sorgenti del rabbi attraverso la galleria di gronda. comunque non ti preoccupare sono pochi a saperlo (anche a romagna acque ormai!). bisogna dare atto a bartolini (è un lui) di conoscere il suo territorio di origine non trovi?

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Non so se sia un errore della Bartolini o di chi ha scritto l'articolo, ma l'invaso di Ridracoli non e' approvvigionato dal Bidente e dal Rabbi, bensi' da uno solo dei tre rami principali del Bidente. Il Rabbi non c'entra nulla.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -