Forlì: bimba investita sulle strisce, oggi l'autopsia

Forlì: bimba investita sulle strisce, oggi l'autopsia

Forlì: bimba investita sulle strisce, oggi l'autopsia

FORLI' - Sarà effettuata oggi (giovedì) l'autopsia sul corpo di Alice Valenti, l'undicenne travolta ed uccisa martedì mattina da due automobili in viale Roma a Forlì mentre stava attraversando la strada sulle strisce pedonali per andare alla fermata dell'autobus che l'avrebbe poi condotta all'istituto ‘Palmezzano', dove frequentava la prima media. Il medico legale incaricato dal pm Marco Forte per chiarire quale urto ha causato il decesso è Donatella Fedeli di Bologna.

 

L'INCIDENTE - Come ogni mattina, la bambina aveva lasciato l'abitazione per recarsi alla fermata dell'autobus, che si trova vicino alla caserma  ‘De Gennaro', per andare a scuola. Frequentava la prima media alla 'Palmezzano'. Per farlo doveva attraversare viale Roma, in quel momento particolarmente trafficato. Mentre si trovava sulle linee zebrate, la bimba è stata travolta da una Citroen C3, condotta da una forlivese di 25 anni, con la parte anteriore sinistra. Nell'impatto l'undicenne è finita prima sul parabrezza dell'auto e poi rovinosamente sulla carreggiata opposta. Qui il corpicino della piccola è stato investito da una seconda auto, una Opel tigra gialla, condotta da una forlivese di 42 anni, che procedeva verso Forlì. E' stato questo secondo investimento ad uccidere la bambina. La donna, che inizialmente non si è accorta dell'urto, si è proposta come testimone per lo scontro con l'altra vettura, per poi dirigersi al lavoro.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Solo tre ore dopo, grazie alle ricostruzioni della Polizia Municipale del reparto Infortunistica, che ha rinvenuto tracce di vernice gialla sul corpo della bimba e riscontri dell'impatto sotto la Opel, la 42enne è stata individuata come responsabile e rintracciata sul posto del lavoro. Solo a questo punto la 42enne ha ammesso di aver sentito un urto, realizzando di aver ucciso la piccola. Da quanto appurato dal personale del reparto Infortunistica, le due automobiliste non procedevano a velocità sostenuta. E tanto meno erano ebbre al volante. L'alcol test, infatti, ha dato esito negativo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -