Forlì, CariRomagna approva la trimestrale: crediti a 4,3 miliardi

Forlì, CariRomagna approva la trimestrale: crediti a 4,3 miliardi

Sergio Mazzi, presidente di CariRomagna-3

FORLI' - Il Consiglio di Amministrazione di Cariromagna ha approvato la trimestrale al 30 settembre 2010, illustrata dal direttore generale Franco Dall'Armellina. Cariromagna, la banca del Gruppo Intesa Sanpaolo che opera nelle province romagnole con 117 filiali, evidenzia nei primi nove mesi dell'anno un trend positivo dei volumi intermediati. I crediti alla clientela, pari a 4,3 miliardi, presentano un incremento del 3,8% rispetto al 31 dicembre 2009, grazie ad un deciso sviluppo dei nuovi finanziamenti a medio lungo termine che al 30 settembre risultano pari a oltre 602 milioni (+30% su settembre 2009).

 

Nel dettaglio, 476 milioni sono serviti a finanziare gli investimenti delle imprese (+37%) e 126 milioni sono andati agli investimenti immobiliari delle famiglie (+9%).

 

Le attività finanziarie della clientela ammontano a 5,3 miliardi, di cui 1,5 miliardi di raccolta diretta, 1,3 miliardi di risparmio gestito e 2,5 miliardi di raccolta amministrata. Nel corso del 2010 le attività finanziarie della clientela hanno evidenziato una ricomposizione a favore del risparmio gestito, cresciuto rispetto a dicembre 2009 del 9%, e della raccolta amministrata (+1%).

 

Al 30 settembre i clienti di Cariromagna sono oltre 145.500, evidenziando un trend positivo che ha portato ad acquisire circa 7.700 nuovi clienti. Analizzando i principali dati economici, si evidenzia un utile netto di 2,5 milioni grazie alla buona performance registrata nel terzo trimestre del 2010.

 

I proventi operativi netti, malgrado fattori congiunturali penalizzanti, hanno mantenuto un andamento soddisfacente attestandosi a 110,5 milioni, contenendo la flessione sul pari periodo del 2009 al 3,3%.

 

Gli oneri operativi ammontano a 73,6 milioni (+2,5% rispetto a settembre 2009), di cui 42,2 milioni le spese per il personale (-0,2%), 29,6 milioni le altre spese amministrative (+6,6%) e 1,8 milioni gli ammortamenti (+3,3%).

 

Le rettifiche su crediti, penalizzate da uno scenario economico ancora piuttosto incerto, risultano pari a 30,3 milioni, mostrando un incremento del 38,4% rispetto a settembre 2009. L'indice di rischiosità delle sofferenze (sofferenze nette sul totale impieghi netti) all'1,5% ed il grado di copertura delle sofferenze (rettifiche effettuate sui volumi lordi) al 70% evidenziano un forte presidio sul rischio di credito ed una elevata qualità dei crediti.

 

"Il 2010 - ha sottolineato Franco Dall'Armellina, direttore generale di Cariromagna - rimane per il mondo bancario un anno particolarmente critico, penalizzato dal lato dei ricavi da una struttura dei tassi a livelli minimi e dalla contrazione dei mercati finanziari, e dal lato dei costi dagli effetti negativi della crisi manifestatasi già lo scorso anno ma che soprattutto nell'esercizio in corso sta esprimendo le maggiori criticità per le banche. In questo difficilissimo contesto, Cariromagna è riuscita ad ottenere nei primi nove mesi dell'anno risultati sicuramente positivi, riuscendo a coniugare una crescita delle masse intermediate e della propria clientela con il massimo rigore a presidio della qualità dei crediti."

 

"Cariromagna - ha aggiunto il presidente Sergio Mazzi - in nove mesi è stata scelta da oltre 7.700 nuovi clienti che hanno riconosciuto nella nostra banca le caratteristiche di banca solida, liquida, ben patrimonializzata, ma soprattutto a costante servizio del territorio, forte dell'appoggio del più grande Gruppo bancario italiano, e della professionalità e competenza di quasi 900 collaboratori che oggi operano nella nostra banca. Straordinario è stato lo sforzo profuso in termini di appoggio al nostro tessuto imprenditoriale: erogazioni che crescono del 37% in un anno come quello attuale significano fiducia nelle potenzialità della Romagna e dei suoi imprenditori, significano soprattutto la volontà di Cariromagna di crescere insieme al proprio territorio."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -