Forlì: centro storico chiuso tutti i giovedì, ecco le regole per il traffico

Forlì: centro storico chiuso tutti i giovedì, ecco le regole per il traffico

Forlì: centro storico chiuso tutti i giovedì, ecco le regole per il traffico

FORLI' - Giovedì 7 gennaio scattano le ormai tradizionali misure anti-smog. Quest'anno il Comune ha individuato un approccio più soft: la circolazione di giovedì resterà libera in quasi tutta la città. L'unica eccezione è il centro storico, che sarà chiuso al traffico di tutte le auto (e non solo con le targhe alterne) dalle 8,30 fino alle 18,30 di tutti i giovedì fino alla fine di marzo. Il provvedimento rientra nella campagna regionale contro l'inquinamento.

 

Ecco tutte le informazioni per muoversi in città il giovedì nel prossimi tre mesi:

 

CIRCOLAZIONE LIBERA IN PERIFERIA.

Non è previsto alcun blocco del traffico nell'intero territorio comunale nelle giornate di giovedì ma si circoscrive le limitazioni solo ad una zona del centro storico.

 

LIMITAZIONI IN CENTRO.

Dal 7 gennaio al 31 marzo 2010, nelle giornate di giovedì dalle ore 8.30 alle 18.30, parte del centro storico di Forlì sarà interdetta alla circolazione, con molte eccezioni (vedi sotto). Il divieto riguarderà tutti i veicoli (escluse deroghe specifiche previste nell'ordinanza). Unici parcheggi non accessibili in occasione dei "giovedì anti-smog" saranno quelli "Duomo - Piazza Ordelaffi" e di Piazza XX Settembre che, nella circostanza, ospiteranno eventi. Per assicurare il rispetto della limitazione nei punti strategici saranno organizzati presidi di controllo.

 

ZONE DEL CENTRO A CIRCOLAZIONE LIBERA.

Non rientrano nell'area soggetta al provvedimento quattro aree circoscritte del centro: 1) l'area compresa fra viale Vittorio Veneto, Corso Mazzini, via Cantoni, via Matteucci, via dei Mille, 2) la zona compresa fra via Romanello, Piazza Dante Alighieri, piazza Guido da Montefeltro e via Andrelini, 3) via della Rocca, via Versari e via Lombardini, e 4) corso Mazzini, piazza del Carmine, via Marsala, viale Matteotti. A libera circolazione sono inoltre corso Diaz fino al teatro Diego Fabbri e corso Garibaldi fino a via Albicini. Di fatto, quindi, l'unica strada di intenso traffico effettivamente chiusa è solo corso della Repubblica.

 

SERVIZIO BUS NAVETTA.

Alcuni parcheggi assumeranno la funzione di parcheggi scambiatori: nelle giornate di giovedì sarà attivato un servizio di navetta-bus gratuito. Queste le tratte: 1) piazza Saffi - stazione (che serve i parcheggi stazione ed ex punto Bus di via Oriani); 2) piazza Saffi - piazza Montefeltro e nuovo parcheggio di viale Salinatore, che presto inaugurerà con 400 posti disponibili. Non sono ancora stati resi noti orari del servizio e le frequenze del bus navetta.

 

DIVIETO ALLE VECCHIE AUTO IN CENTRO.

Accanto alle iniziative del giovedì, restano in vigore i divieti già partiti il primo di novembre nei giorni feriali. Dal lunedì al venerdì (ore 8,30 alle 18,30), è vietata la circolazione in tutto il centro ai veicoli a benzina Euro 0 e quelli diesel Euro 2 privi di filtro anti-particolato. E' vietata inoltre la circolazione in centro ai tutti i veicoli sprovvisti di bollino blu.

 

EVENTI IN CENTRO.

In occasione dei "Giovedì anti-smog" verranno organizzate iniziative di animazione con l'obiettivo di attirare attenzione e persone nell'area vincolata mentre grazie all'avvio di un servizio "car sharing" sarà attivata, per la prima volta, una iniziativa di carattere sperimentale, innovativa per Forlì sia per la tipologia dei veicoli utilizzati a propulsione elettrica, che per le modalità di gestione organizzativa. Ultimo tassello della programmazione è la campagna informativa mirata a promuovere l'uso del trasporto pubblico con particolare attenzione ai lavoratori, agli studenti e alle opportunità offerte dall'utilizzo di parcheggi scambiatori.

Commenti (17)

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @reximo se i blocchi del traffico abbiano o meno una funzione contro lo smog mi sembra argomento per un'altra discussione. Di fatto, se come lei sostiene sono inutili (e io sono quasi d'accordo con lei) mi sembra che l'amministrazione si stia muovendo nella direzione giusta, a meno che lei non preferisca il blocco totale, nella logica del tanto peggio, tanto meglio....

  • Avatar anonimo di Effe
    Effe

    Cioè ragazzi, qua c'è gente che sostiene che in Centro a Forlì ci sono delle transenne e nessuno può entrare.

  • Avatar anonimo di rexino
    rexino

    @vico io non lavoro in centro ma ci abito, e la domada da porsi è un'altra, quali sono i vantaggi che ci da un blocco del traffico parziale o totale che sia, sinceramente non ne vedo veedo solo disagi, per l'inquinamento e faccio solo un esempio, ma ce ne sarebbero tanti altri si potrebbe dotare tutte le case nuove e da ristrutturare totalmente di pannelli solari, e questo è solo un esempio

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    Ringrazio Bellini per avermi fatto notare che esiste un sistema per dire qualcosa. Io, che pur smanetto abbastanza in internet, non ne sapevo niente. Figuriamoci gli altri. Ma a chi era stato comunicata questa possibilità? Nei prossimi giorni ci provo. Chissà che da tutti i naviganti non ne esca qualcosa di buono. Buona Befana a tutti.

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @maerlene 58 premesso che mi auguro che lei domani non lavori, e che cmq è mercoledì, giovedì non vedo perchè dovrà alzarsi 1/2 ora prima. Basta che parcheggi in uno dei parcheggi a raggiera, oppure addirittura in centro, e passeggi per 5 minuti. Ma la domanda da porsi, di fronte a questa scelta dell'amministrazione è una sola: E' meglio avere tutta Forlì dove non si può circolare o limitare la chiusura a parte del centro storico ? Ricorda un po' Catalano ma personalmente apprezzo la seconda soluzione e apprezzo l' aver ricompreso negli autorizzati in deroga gli agenti di commercio, che Forlì fino ad oggi , unica in Emilia Romagna, obbligava allo stop.

  • Avatar anonimo di Marlene58
    Marlene58

    Premesso che amo Forlì alla follia e che quindi non voglio per forza citare Ravenna come esempio, ma se si continuano a mantenere gli Uffici in centro che senso ha impedire alla gente di andare a lavorare, di andare a sbrigare pratiche ecc.ecc. Ho citato Ravenna perchè lì gli Uffici sono stati quasi tutti decentrati ed il centro è riservato al passeggio, agli acquisti e ad altre piacevolezze! Mi dite perchè domattina io dovrei partire da casa a piedi o in bicicletta, cosa che col bel tempo faccio sempre {non mi pare che per domani le previsioni siano eccellenti!!}, oppure partire con l'auto, lasciamo perdere il servizio di autobus!, mezz'ora prima, lavorare, pranzare fuori casa, lavorare e poi alle 17:30 mettermi in strada ad aspettare che scatti l'ora X delle 18:30?? Ma forse le attività di intrattenimento previste, sotto la neve, mi intratterranno?? E quanto smog risparmieremo? Spendiamo due soldi per incentivare l'uso del GPL nelle auto, nei taxi, nei bus, nei mezzi commerciali e nei riscaldamenti domestici e non! Spostiamo gli Uffici nelle vicinanze della nuova tangenziale, cerchiamo di essere moderni!! P.S. Evidentemente gli errori non insegnano nulla, nevica dalle 9 di questa mattina e in Corso della Repubblica non si è visto uno, 1, spalaneve! Vedremo come finisce! Cara Befana pensaci tu!!

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @rexino forse le sfugge che con l'attuale provvedimento anche se lavora in centro difficilmente parcheggerà a più di un kilometro dal suo ufficio. Perchè non dovrebbe riuscire a pranzare a casa?

  • Avatar anonimo di rexino
    rexino

    a proposito gran bella neve, da questa mattina è passato un unico spazzaneve con la pala su circa un ora fa, è la terza volta che nevica e che le strade sono impraticabili

  • Avatar anonimo di rexino
    rexino

    a quanto pare non è chiaro che se una persona, deve stare per strada oltre alle ore di lavoro altre 2 ore per l'autobus non tornare a casa a mezzogiorno perchè manca il tempo e rientrare molto più tardi la sera perchè per fare 3 km deve cambiare 3 autobus, chiaro che l'autobus lo prendono solo gi anziani (sono pensionati) e gli studenti (una volta rientrati a casa escono se vogliono)

  • Avatar anonimo di Federico
    Federico

    Un conto è parlare del trasporto pubblico, un'altro è il piano anti-smog. Soldi per aumentare le flotte di autobus non ci sono: sono stati tagliati miliardi di euro per il trasporto pubblico, che coi prezzi dei biglietti non si reggono in piedi da soli. Qui si parla di vedere se si può realizzare una ZTL di maggior respiro intorno il centro storico, con l'utilizzo di una navetta gratuita verso il centro. Poi se si vogliono fare altre proposte, ben vengano. Tra l'altro gli unici che usano in massa gli autobus sono studenti, anziani. >Gli altri usano l'auto anche per fare 200 metri...

  • Avatar anonimo di pirpa
    pirpa

    Qui mi sembra il gatto che si morde la coda!!! Bellini dice che se nessuno li usa non si possono aumentare le corse....gli utenti dicono che con così poche corse è praticamente impossibile utilizzare i mezzi pubblici!!! Quindi?

  • Avatar anonimo di Alberto Bellini
    Alberto Bellini

    Leggendo i commenti mi chiedo se è chiaro che le limitazioni sono completamente diverse da quelle degli anni scorsi. I disagi per i cittadini sono limitati alla ridotta mobilità in centro storico, compensata da una nuova navetta gratuita. Nel resto del territorio comunale non ci sono limitazioni per nessuno. Per quanto riguarda i mezzi pubblici è chiaro che finché nessuno li usa, le corse saranno poche e poco frequenti, stiamo cercando il modo di innescare un circolo virtuoso. Ciascuno di noi dovrebbe fare uno sforzo per favorirlo.

  • Avatar anonimo di rexino
    rexino

    @Alberto Bellini prima di prendere queste iniziative formative (così le chiamate) che creano solo disagi assicuratevi una copertura adeguata dei mezzi pubblici, io ad esempio per andare al lavoro dovrei cambiare minimo 2 o 3 tram, quindi dovrei alzarmi 1 ora prima la mattina non tornare a casa a mezzogiorno e tornare a casa 1 ora più tardi la sera senza contare che a casa ho una persona di 84 anni che magari di giovedì pomeriggio (oltre la domenica unico mio giorno libero) devo portare da qualche parte anche solo a fare spesa, a lei la parola

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Si dà il caso che questo scopo "formativo" ci sia da ben .....hemmm, quanti anni ormai ?! io in attesa di formazione e di più mezzi pubblici vivo in una zona in cui l'unico mezzo pubblico passa una volta al dì...........

  • Avatar anonimo di Alberto Bellini
    Alberto Bellini

    Come dichiarato in TV siamo coscienti che questa iniziativa non risolverà i problemi principali. Tuttavia lo scopo è formativo. Vogliamo proporre una nuova mobilità per il centro storico per cambiare le abitudini. Più parcheggi scambiatori, più mezzi pubblici, meno auto anche per brevi spostamenti. Se tutti i cittadini fanno un piccolo sforzo in questa direzione possiamo ottenere grandi risultati. Per quanto riguarda la prova di soluzioni, siamo pronti ad ascoltare e sperimentare. Segnalo che nel sito ambiente.comune.forli.fc.it è aperto una "call" per proposte di mobilità sostenibile da due mesi. Ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna proposta...

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Bravo ReArtù, concordo.....Queste mezze soluzioni,momentanee,molto scomode e poco utili non hanno alcun senso!

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    Benissimo, ma non si sono accorti i tecnici che i punti più inquinati non sono in centro? Vanno bene i parcheggi scambiatori, non va bene il servizio se non è frequente. Occorre comunque PROVARE soluzioni alternative permanenti. Si potrebbe indire un concorso di idee da porre all'attenzione dell'amministrazione. Se non altro è un sistema per dialogare anche con la cittadinanza.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -