Forlì, centro storico. Confcommercio ribadisce: "Manca un progetto di rilancio della città"

Forlì, centro storico. Confcommercio ribadisce: "Manca un progetto di rilancio della città"

Forlì, centro storico. Confcommercio ribadisce: "Manca un progetto di rilancio della città"

FORLI' - Non si ferma la querelle sul centro storico, riaperta nei giorni scorsi da Confcommercio, critica nei confronti del Comune di Forlì per l'assenza di progetti per il rilancio del cuore cittadino,. Critiche alle quali aveva risposto il consigliere comunale Massimo Montanari. La crisi dell'economia cittadina, e non solo, è innegabile: "Certamente le cause maggiori derivano dall'esterno - ribadisce Confcommercio -, ma altrettanto certamente si avverte l'assenza di un progetto di rilancio economico della Città".

 

Sul centro storico Confcommercio rincara la dose: "Sulla questione delle risorse a disposizione del Comune di Forlì per il Centro Storico (scarse per la verità), ci chiediamo con ancora maggiore determinazione di quanto abbiamo fatto se sia corretto che il 40% venga destinato per spese di gestione e coordinamento e che il restante ricada su un'area ristretta del Centro Cittadino e che a beneficiarne siano solo alcune aziende".

 

"In considerazione delle difficoltà vissute dalle aziende dell'intero Centro cittadino", l'associazione di categoria si cheide "se tali risorse non debbano essere impiegate a sostegno di tutti gli imprenditori operanti nel medesimo Centro Storico".

 

Anche sulla questione parcheggi l'associazione diretta da Luciano Santarelli ribadisce la propria posizione. "Il tema della sosta è molto importante e sentito da imprenditori e cittadini - ricorda Confcommercio -. Molte città hanno operato sulla sensibile diminuzione del costo orario o sulla gratuità del parcheggio: riteniamo che investire l'intera somma di 100.000 Euro in questo ambito sia la cosa migliore e più utile per  tutti".

 

Riguardo alla polemica più spicciola con il consigliere comunale Massimo Montanari, l'associazione fa notare che "quando non si sa come rispondere alle critiche, la strada più semplice è quella di buttarla in politica". Per l'associazione è "il caso del consigliere comunale Massimo Montanari che, nell'arduo tentativo di difendere l'operato della Giunta forlivese sulle questioni riguardanti il sostegno alla piccola impresa ed in particolare quella insediata in Centro Storico, cerca di etichettare politicamente coloro che manifestano il proprio disagio o dissenso. Affermare  così come abbiamo fatto che l'economia cittadina si trovi in una condizione di forti difficoltà è un fatto oggettivo, al quale occorrerà porre rimedio".

 

"Per quanto riguarda le nostre critiche in merito ai mancati impegni delle massime autorità cittadine - conclude l'associazione -, sarebbe stato sufficiente che il medesimo Montanari avesse chiesto al Sindaco e al Vice Sindaco per avere conferma dalla loro viva voce".

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Che noia, sempre le solite lamentele. Questi vogliono un progetto di rilancio che porti più clienti negli esercizi commerciali del centro, ma non avendo idee concrete in merito tirano fuori il solito argomento dei parcheggi gratuiti, che non hanno senso perche' sarebbero tutti occupati fin dal mattino da chi lavora in centro. Non c'e' la formula magica per rilanciare il centro, non siamo nel mondo di Harry Potter, se ne facciano una ragione.

  • Avatar anonimo di marinag
    marinag

    non vorrei che, per abbassare i costi dei parcheggi in centro, venissero ritoccati i costi degli abbonamenti dei residentri, peraltro già alti e ingiusti.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -