Forlì-Cesena: a ruba le lampadine Hera a basso consumo

Forlì-Cesena: a ruba le lampadine Hera a basso consumo

FORLI'-CESENA - Tra le iniziative legate al 4° anniversario dell'entrata in vigore del Protocollo di Kyoto, festeggiata con l'iniziativa ‘M'illumino di meno' promossa dal programma radiofonico Caterpillar di Radio 2, quella di Hera è stata decisamente molto gradita.

 

Infatti questa mattina, dalle 8 alle 13 Hera Forlì-Cesena ha regalato a tutti i clienti che si sono recati agli sportelli commerciali di via A. Spinelli 60 a Cesena e via Balzella 24 a Forlì, 500 lampade a basso consumo e una copia di Herapiù, il periodico per i clienti, il cui ultimo numero è interamente dedicato a informazioni e consigli utili per ridurre gli sprechi e risparmiare.

 

Inoltre, sono state attivate distribuzioni di materiali sul risparmio idrico-energetico e sulla raccolta differenziata presso alcune scuole dell'obbligo di Forlì e Cesena.

Per il 2° anno consecutivo, Hera ha riproposto anche la campagna di comunicazione interna Energia Positiva, rivolta ai dipendenti del Gruppo. Dalle 18 alle 19 del 13 febbraio sono state spente luci, stampanti, pc e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili.

 

Per quanto riguarda infine lo smaltimento delle lampade a basso consumo, si ricorda che, se abbandonate nell'ambiente o conferite nei normali cassonetti per rifiuti solidi urbani, possono costituire un pericolo per l'ambiente.

 

Per questo, in ottemperanza alla Normativa Ambientale D.Lgv. 151/05 è necessario raccoglierle in modo differenziato rispetto agli altri rifiuti e avviarle a smaltimento in impianti speciali.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le sorgenti luminose vanno pertanto conferite presso le stazioni ecologiche o le ecomobili presenti sul territorio: i materiali raccolti sono poi destinati ad impianti autorizzati e specializzati che provvedono ad inertizzare le sostanze pericolose contenute nelle sorgenti luminose e recuperare le parti metalliche e vetrose."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -