Forlì-Cesena, accordo tra Provincia e agenzie interinali

Forlì-Cesena, accordo tra Provincia e agenzie interinali

Forlì-Cesena, accordo tra Provincia e agenzie interinali

Sull'accordo di collaborazione fra la Provincia di Forlì-Cesena, tramite i Centri per l'impiego, e le principali agenzie di lavoro interinale, l'assessore provinciale Denis Merloni è chiaro: "L'obiettivo di tale accordo è chiarissimo: aumentare le offerte di occupazione ai lavoratori in mobilità, ai disabili iscritti negli appositi elenchi ed, eventualmente, anche alle persone svantaggiate. Su questo punto non accettiamo dubbi di interpretazione o distinguo".

 

"Da parte loro, la Cisl e la Uil hanno dimostrato di aver compreso le finalità dell'accordo ed hanno, giustamente, raccomandato all'Amministrazione la massima vigilanza sul rispetto delle finalità. Per questo la Provincia di Forlì-Cesena ha inviato una lettera di accompagnamento alle agenzie con la quale si ribadisce, per l'ennesima volta, il rispetto formale e sostanziale degli obiettivi - continua Merloni - L'azione dell'Amministrazione Provinciale, a tutti i livelli e con tutte le forze disponibili, si è sviluppata dal suo insediamento ad oggi per fronteggiare la crisi e alleviarne gli effetti sull'occupazione, sulle imprese e per garantire la tenuta della coesione sociale. Tale azione ha ricevuto ampi consensi nel corso delle riunioni degli organismi di concertazione provinciali per cui ci sentiamo incoraggiati a proseguire sulla strada individuata".

 

"Chiariti questi punti, va detto che l'accordo è pienamente coerente con le leggi vigenti e non legittima né, tanto meno, prefigura azioni finalizzate all'ulteriore disgregazione del mercato del lavoro locale. Per l'esperienza che ho maturato in questi mesi, nulla mi lascia prevedere un comportamento coordinato e diffuso di aziende che licenziano i propri lavoratori col solo scopo di riassumerne altri, attraverso le agenzie di lavoro interinale, in quanto ciò comporterebbe un beneficio economico per queste ultime. Se vi saranno casi li denunceremo e sospenderemo la collaborazione con quelle agenzie che dovessero assecondare tali eventuali comportamenti".

 

"Noi non solo non temiamo, ma ricerchiamo la collaborazione fra strutture pubbliche e strutture private accreditate. Nei nostri Centri per l'impiego vi sono persone competenti e responsabili che fanno bene il loro lavoro. La crisi è ancora profonda e con 28.674 disoccupati nella provincia di Forlì-Cesena (+9.6% rispetto al 2009) occorre mettere in campo tutte le forze disponibili. E' per questo che nei prossimi giorni daremo seguito ai contenuti dell'accordo. Vigileremo per garantire l'assoluta coerenza con le finalità dell'intesa, gestendo con la massima attenzione i dati a disposizione, cureremo con diligenza il monitoraggio delle azioni svolte sul versante delle imprese e su quello dei lavoratori, svilupperemo le opportune analisi sui risultati conseguiti e, nel caso di un futuro accordo su tali materie fra la Regione Emilia-Romagna e le diverse agenzie, la nostra intesa si intenderà superata".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per quanto riguarda la scarsa sensibilità delle imprese rispetto a comportamenti etici - conclude - ritengo che occorra valutare i singoli casi. Francamente mi aspettavo una maggiore adesione al percorso avviato con la sottoscrizione del codice etico presso la Prefettura. Occorre insistere su quella strada, cercare le ragioni profonde che portano le imprese a non cogliere quest'occasione e, nello stesso tempo, intensificare il lavoro di denuncia e repressione dei comportamenti non rispettosi delle norme e delle leggi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -