Forlì-Cesena, assunzioni dei disabili gravi. Le convenzioni della Provincia

Forlì-Cesena, assunzioni dei disabili gravi. Le convenzioni della Provincia

FORLI'-CESENA - L'aiuto fornito dalle convenzioni della Provincia di Forlì-Cesena, relative al lavoro dei disabili più gravi, è stato illustrato ieri pomeriggio nel corso della conferenza "Assumere disabili in tempi difficili: un'opportunità possibile", che si è tenuta a Cesena nella sala ‘Dradi Maraldi' della Cassa di Risparmio. All'incontro sono stati presenti molti rappresentanti di imprese che già hanno in essere la convenzione, e di altre che hanno manifestato interesse a convenzionarsi, e che potrebbero così ampliare la disponibilità di posti. All'incontro erano presenti anche numerosi consulenti del lavoro e referenti di associazioni datoriali e sindacali, enti di formazione e cooperative sociali.

 

Commenta l'assessore provinciale al Lavoro Denis Merloni, tra i relatori del convegno: "L'esito di quest'incontro ci attesta l'interesse verso queste opportunità e la disponibilità a sperimentare questo nuovo istituto previsto dalla legge regionale 17/2005". Aggiunge Rita Nappa, responsabile dell'ufficio per il Diritto al lavoro dei disabili della Provincia: "Si tratta di opportunità ancora nuove: la novità, introdotta nel novembre 2006 è stata applicata in forma sperimentale fino a tutto il 2009. Il 13 luglio 2010 c'è stato il rinnovo a tempo indeterminato della convenzione quadro, che ha introdotto significativi elementi di flessibilità che provengono proprio dall'esperienza della sperimentazione e da un costante confronto con le cooperative, con i consulenti lavoro e con le associazioni di categoria. Lo scopo è attuare inserimenti lavorativi il più possibile soddisfacenti sia per i disabili, sia per i datori di lavoro che hanno interesse a ricevere prestazioni lavorative proficue e confacenti agli scopi aziendali".

 

Attualmente risultano in corso 22 convenzioni, per un totale di 35 assunzioni. Di buon auspicio è il dato relativo a 14 proposte di convenzionamento pervenute nel 2010, per 21 assunzioni. Va ricordato che queste politiche riguardano persone con disabilità gravi, che in un contesto ordinario gli stessi medici considerano più adatte ad essere inserite nella cooperazione sociale, piuttosto che un'impresa "profit".  Tali assunzioni di disabili, per altro, sono una piccola parte di quelle che ogni anno vengono  complessivamente autorizzate dalla Provincia in base alla normativa nazionale (sono state 451 nel 2009).

 

Affidare lavoro ad una cooperativa sociale è una modalità di adempimento degli obblighi di assunzione dei disabili che rafforza la coesione sociale e trasforma gli obblighi in opportunità. All'incontro, oltre all'assessore Denis Merloni e alla responsabile dell'ufficio Rita Nappa, hanno relazionato anche Dino Gollinucci (vice-direttore generale Cassa di Risparmio di Cesena), Stefano Zamagni, preside della facoltà di Economia Politica dell'Università di Bologna; Massimo Giusti,  presidente della Commissione volontariato A.c.r.i. Presente anche il prefetto di Forlì-Cesena Angelo Trovato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -