Forlì-Cesena, cento milioni di euro per il sistema territoriale

Forlì-Cesena, cento milioni di euro per il sistema territoriale

Forlì-Cesena, cento milioni di euro per il sistema territoriale

La firma dell'Intesa per l'integrazione a livello provinciale delle politiche regionali del DUP conclude il percorso di concertazione territoriale avviato dalla Provincia ormai un anno fa per la definizione dei progetti e degli investimenti del DUP. Il "Documento unico di programmazione" traduce in termini operativi la politica regionale unitaria e dunque raccoglie gli orientamenti, gli obiettivi, le scelte che la Regione intende programmare con l'obiettivo di costruire un sistema regionale integrato.

 

GUARDA LA FOTOGALLERY (di Cristiano Frasca)

 

L'intesa mobilita risorse pubbliche per ben 100,2 milioni di euro per tutto il territorio provinciale, di cui 65,4 provenienti dalla Regione e dai fondi europei Fas, Fesr, Fse. Gli enti del territorio, da parte loro, contribuiscono con 34,8 milioni di euro. La cifra delle risorse investite sul territorio aumenterà ulteriormente non appena le misure che lo prevedono chiameranno a concorrere i soggetti privati. In particolare, l'Intesa - che viene firmata oggi lunedì 21 marzo - rappresenta  il contributo che il sistema territoriale della provincia di Forlì-Cesena ha elaborato per l'attuazione della politica regionale unitaria. Il documento è frutto di un approccio strategico e di un preciso percorso negoziale. Sottoscrivono oggi l'Intesa una pluralità di soggetti: la Regione Emilia-Romagna, la Provincia di Forlì-Cesena, tutti i Comuni e le Unioni e Comunità Montane del territorio.

 

Il DUP mira a costruire la regione-sistema, mettere in valore i sistemi territoriali che nelle loro diversità e specificità costituiscono il vantaggio competitivo dell'intero territorio regionale. In particolare il documento affronta in via prioritaria i temi della ricerca e dell'innovazione, del trasferimento tecnologico, della formazione, della competitività produttiva, della riqualificazione urbana, del nuovo welfare, dell'ambiente e della sostenibilità energetica, delle reti infrastrutturali e mobilità sostenibile, della difesa del suolo e della costa e la relativa prevenzione dei rischi naturali.

 

Commenta il presidente della Provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi: "Crediamo nella politica di integrazione dei territori promossa dalla Regione con la realizzazione del DUP, che oggi rendiamo operativo per il territorio di Forlì-Cesena con la firma dell'Intesa. In particolare, il DUP che andremo ad attuare valorizza i punti di forza presenti sul territorio e rende strategiche non solo a livello locale, ma per tutta la regione, le eccellenze economiche e non presenti sul territorio, rendendole così ancora più forti nelle reti di sviluppo regionale. Ringrazio pubblicamente il presidente della Regione Vasco Errani per lo sforzo compiuto".

 

Aggiunge da parte sua il vice-presidente della Provincia Guglielmo Russo: "Il DUP è una grande scommessa che gli enti locali, a partire dalla Regione, fanno sul futuro del territorio, in quanto parte dalla convinzione che solo creando un sistema regionale forte e integrato saremo in grado di rispondere con forza alla crisi in atto e, nei prossimi anni, di competere a pieno titolo sullo scenario della globalizzazione. Per questo non abbiamo mai pensato a un esercizio intellettualistico, ma a un concreto percorso di risposte strutturali, di soluzioni di prospettiva, un disegno strategico per rispondere ai nuovi problemi che la modernità ci pone. Il progetto strategico che oggi sigliamo vuole dare risposte importanti a questi problemi. E' un impianto serio, condiviso, che ci può consentire di fare davvero un salto di qualità".

 

 

 

Questi gli interventi nel dettaglio:

 

Con i finanziamenti dell'obiettivo su ricerca e innovazione (obiettivo 1), sono in fase di avvio nel territorio investimenti Fesr per 9,5 milioni di euro, finalizzati allo sviluppo del polo della ricerca e del trasferimento tecnologico nei campi delle tecnologie aeronautiche, nautiche, della meccanica avanzata, fluidodinamica e agroalimentare, con la mobilitazione di un totale di 13,6 milioni. L'obiettivo 2 individua risorse per 15,8 milioni di euro per potenziare l'investimento sul capitale umano attraverso l'innalzamento delle competenze.

 

Per sostenere la competitività e la sostenibilità energetica ambientale nel sistema produttivo (obiettivi 3 e 4), con investimenti finalizzati all'innovazione tecnologica di processo delle imprese, sono stati già stanziati circa 13,2 milioni di euro di finanziamento europeo e regionale, di cui 4,1 per dotare il territorio di aree produttive ecologicamente attrezzate (per i siti di Pievesestina a Cesena e l'area di Villa Selva di Forlì). Se si sommano le risorse locali si raggiunge la cifra di 27,1 milioni di euro. Sull'obiettivo della mobilità sostenibile (obiettivo 5), l'intervento è a regia regionale e investe tutte le province pro-quota, per questo il dato non scorporabile non è ufficialmente inseribile in Intesa.

 

La qualificazione del welfare vede a disposizione 4,1 milioni di euro. Il DUP prevede poi anche interventi per la valorizzazione dell'ambiente (obiettivo 7: biodiversità, rischi naturali, difesa del suolo e della costa) che saranno programmati anche in relazione all'attuazione dal Piano di azione ambientale della Regione Emilia Romagna. Nella Provincia di Forlì-Cesena particolare attenzione viene dedicata al tema idrico, con un investimento di fondi Fas per facilitare l'uso plurimo delle acque del CER (Canale emiliano-romagnolo) e per interventi sulla qualità delle acque per 3 milioni di euro, oltre ad investimenti nel Parco nazionale delle Foreste Casentinesi per 1 milione di euro.

 

Per l'Intesa della provincia di Forlì-Cesena assumono particolare rilievo gli investimenti previsti sull'obiettivo 8 (ambiente e cultura), un patrimonio da valorizzare con il concorso del Fondo Fesr per circa 5,3 milioni di euro, che attiveranno importanti investimenti aggiuntivi per un totale di 11,9 milioni di euro. In dettaglio si tratta degli interventi per la valorizzazione del centro e del museo della Marineria di Cesenatico, il complesso museale del San Domenico a Forlì, la riqualificazione dell'ex monastero di S. Annunziata a Tredozio, gli interventi di potenziamento sulle aree archeologiche (San Giovanni in Compito a Savignano e la Villa di Teodorico a Galeata) e gli interventi sul sistema delle fortificazioni della Romagna pontificia e malatestiana.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'obiettivo 9 del DUP pone al centro dell'attenzione delle politiche e degli investimenti la montagna, mettendo in campo 4,5 milioni di euro di fondi Fas a favore delle aree ex obiettivo 2, ai quali sommare gli interventi dedicati al potenziamento delle Gallerie Caproni e del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, per un totale di 7,4 milioni. Infine l'obiettivo 10 ha come finalità quella della valorizzazione delle aree urbane e cittadine per migliorarne la capacità attrattiva. Nello specifico si tratta di risorse Fas per 9 milioni di Euro che attiveranno importanti investimenti collegati, per un totale di 16,1 milioni di euro finalizzati al miglioramento della qualità urbana di Forlì e di Cesena e al potenziamento dell'attrattività dei centri urbani.


Forlì-Cesena, cento milioni di euro per il sistema territoriale

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    @emanuela Per qualificazione del centro storico, molti pensano voglia dire mandare a casa gli immigrati che lo frequentano, con loro usi e costumi (e altro). Io penso che già molto sia stato provato e propongo di equiparare il centro storico a tutto il territorio forlivese. Quelli che abitano nelle periferie cosa sono, cittadini di serie B??

  • Avatar anonimo di Emanuela_
    Emanuela_

    ..e che anche il centro storico possa avvalersi di questi finanziamenti, al fine di una riqualificazione.

  • Avatar anonimo di Emanuela_
    Emanuela_

    Queste sono buone notizie ...segua l'applicazione nei fatti.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -