Forlì-Cesena, Cna e Confartigianato: "La burocrazia strozza la green economy"

Forlì-Cesena, Cna e Confartigianato: "La burocrazia strozza la green economy"

"Uno dei pochi settori della nostra economia che regge nonostante la crisi rischia di essere messo in grossa difficoltà per colpa della burocrazia e dell'inefficienza. È questa la denuncia di CNA Forlì-Cesena e Confartigianato Forlì e Cesena. In sostanza, chi produce energia elettrica attraverso le fonti rinnovabili ha bisogno di essere connesso alla rete elettrica per mettere in circolo l'energia prodotta. I passaggi necessari sono due: prima gli enti preposti devono rilasciare la necessaria autorizzazione, e poi i gestori devono fisicamente provvedere all'allacciamento degli impianti".

 

E' quanto si legge in una nota di Cna e Confartigianato Forlì-Cesena.

 

"A questo punto le difficoltà denunciate da CNA e Confartigianato sono due: da un lato il fatto che i tempi delle autorizzazioni si sono molto dilatati, e dall'altro la lentezza dei gestori a provvedere all'allacciamento. In questo modo, le imprese che hanno investito nella green economy non possono mettere in funzione i loro impianti, tenendo bloccati gli investimenti e rischiando così di finire strozzate senza poter reagire. Si tratta di una situazione ancor più paradossale poiché riguarda la produzione di energia pulita".

 

"Ne è prova la sanzione di oltre 1 milione di euro erogata dall'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas a Enel Distribuzione Spa il 21 dicembre scorso, per la violazione alle disposizioni relative alla connessione di impianti per la produzione di energia elettrica alle reti di distribuzione, con particolare riguardo a quelli alimentati da fonti rinnovabili. La sentenza sottolinea la violazione del diritto a essere connessi alle reti in condizioni di trasparenza, economicità e non discriminazione (ai sensi delle norme vigenti). Proprio quello che servirebbe alle nostre imprese per fare il loro lavoro!"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -